cover photo

Mangio & Bevo

Iscriviti al Gruppo
Mangio & Bevo

Categoria
Bellezza
Creato
Mercoledì, 04 Aprile 2018
Amministratori Gruppo
Claudio Boglione, Redazione, MxM

Curiosità enogastronomiche

Categoria
Bellezza
Creato
Mercoledì, 04 Aprile 2018
Amministratori Gruppo
Claudio Boglione, Redazione, MxM
  • MxM
    Siamo stati al: ROMA WHISKY FESTIVAL al Salone delle Fontane all’Eur

    ROMA WHISKY FESTIVAL

    4March19 19:36:17.jpeg (600×600)

    Al Salone delle Fontane all’Eur si è tenuta l’ottava edizione di questa manifestazione che, con tutti i suoi Brand, eventi, ospiti e le varie ed apprezzate Masterclasses, ha lasciato nei visitatori, attraverso le oltre 2.000 etichette proposte, ed i suoi angoli Food, dalle ostriche al prosciutto Patanegra, un mix di Experience che porteranno tutti a lungo con sé.

     

    Ma immergiamoci in quello che questo mondo porta a conoscenza per chi lo approccia con un minimo di curiosità.

    Pensiamo all’epoca di Giorgio V Re d’Inghilterra, quando ai primi dell’ottocento, dopo una sua visita, con relativo assaggio dell’allora “proibito” distillato, nelle famose Highlands scozzesi, fece uscire il primo Single Malt Scotch Whisky dall’illegalità; oppure pensiamo ad un certo Tomas Mac Charty, circa un secolo dopo in terra statunitense che, durante una battuta di caccia al tacchino selvatico, allora usata come momento di convivialità e di affari, portò una bottiglia di un distillato di segale che venne particolarmente apprezzata, diciamo pure sino all’ultima goccia, incoraggiando così la commercializzazione di un whiskey, con la “e” da slang di origine irlandese tipicamente USA, che si diffuse nel mondo con il nome di Bourbon.

    Ai giorni nostri dovremo pensare alla realizzazione di cantine modernissime, che con le loro coperture riprendono lo skyline delle colline circostanti e con le loro pompe attingono in profondità acqua purissima per poi immetterla negli alambicchi, a colonna per il Bourbon ed a “Pot Still” (a pentola) per l’Whisky, insieme ai vari cereali; questi ultimi sono alla base anche della produzione delle birre, per queste però fermentati e non distillati.

    4d63bfa8-1aea-4aed-9ba1-d19db20d39f4

     

    Ma l’altra componente fondamentale per fare un buon whisky è il legname, in cui, durante l’invecchiamento, si affinano gusto, profumo e colore del distillato. Le querce, che siano quelle “bianche” delle foreste del Kentucky, dell’Ohio o del Missouri, oppure quelle della “cara e dolce vecchia Europa” devono stagionare circa un minimo di sei mesi sul luogo del taglio e poi circa un anno in località calde e asciutte.

    Poi c’è la lavorazione delle botti, mediamente da 250 o 500 Litri, dove il legno viene “affumicato” affinché possa ospitare per 18 o 24 mesi, dello cherry nella tradizione europea, poiché all’inizio si utilizzavano le botti di questo liquore, o di “Porto”, che conferivano particolari fragranze, oltre a rappresentare un buon esempio di Economia Circolare, ed in genere oggi si immette nulla nelle botti nuove della tradizionale lavorazione americana per il Bourbon.

    Comunque, al di là di sapere che i “vate” mondiali sono due anni che attribuiscono al Giappone il Palmares di Paese ospitante il miglior Whisky del Pianeta e che ci sono mille leggende, intorno al Bourbon “Whiskey", veicolato inizialmente dalla filmografia western dei Saloon, oppure al “Whisky” bevuto con seltz o acqua o come componente dei famosi cocktail, tipo l’Old Fashioned (primo nella storia), l’Irish Coffee (nato in un aeroporto irlandese) o il Manhattan

    (ideato dalla madre di Winston Churchill), comunque, sappiate che nel momento che sorseggiate colui che avete eletto a compagno di un momento della vostra giornata, Lui, è lì a ricordarvi che la moderazione aiuta ad apprezzare la qualità, d’altronde come diceva un poeta americano “Non c’è niente di sbagliato nella sobrietà a piccole dosi .

    Roma 4  marzo 2019                        Maurizio Moretti

    4March19 19:34:41.jpeg (160×160)

    Lunedì, 04 Marzo 2019 da MxM
  • Claudio Boglione
  • MxM
  • Redazione
  • Claudio Boglione
  • Claudio Boglione
  • Redazione
  • Claudio Boglione
  • Claudio Boglione
  • Claudio Boglione
Visualizza tutti gli articoli Visualizzando 10 di 10 Articoli
  • Non ci sono ancora domande in questo gruppo. Perchè non ne crei una tu?

Eventi

Post dai gruppi

Chi è in linea