Viviroma.it spettacoli a Roma - VENTOTENE FILM FESTIVAL

Giovedì, 23 Luglio 2020
 

VENTOTENE FILM FESTIVAL 

 

 

Testo alternativo

 

 

 

 

 
 

 

 

EDIZIONE XXV

 

24 LUGLIO – 2 AGOSTO 2020

 

 

 

 

 

A WILLEM DAFOE, TERRY GILLIAM E PAOLO SORRENTINO

 

IL PREMIO VENTO D’EUROPA

 

 

 

A PAOLA CORTELLESI, PERNILLE FISCHER CHRISTENSEN

 

E TEONA STRUGAR MITREVSKA

 

IL PREMIO JULIA MAJOR

 

 

 

TORNA L’APPUNTAMENTO

 

CON IL CONCORSO INTERNAZIONALE #OPENFRONTIERS#

 

E LA COMPETIZIONE #OPENFRONTIERSYOUNG#

 

 

 

PIÙ DI 50 PROIEZIONI, ANTEPRIME MONDIALI E PRESENTAZIONI

 

NELLA SPLENDIDA CORNICE DELL’ISOLA PONTINA

 

 

 

EMANUELA ROSSI TRA I TANTISSIMI OSPITI DELL’EDIZIONE 2020

 

 

 

Dopo due anni di assenza, dal 24 luglio al 2 agosto 2020 torna finalmente l’appuntamento con il VENTOTENE FILM FESTIVAL, l’iniziativa ideata e diretta da Loredana Commonara, che da oltre 25 anni porta nella splendida isola pontina competizioni internazionali, anteprime, presentazioni e premiazioni, il tutto all’interno di un’edizione che sempre sposa i valori della sostenibilità ambientale.

 

 

 

Willem Dafoe, Terry Gilliam, Paolo Sorrentino, Pernille Fischer Christensen, Teona Strugar Mitrevska, Paola Cortellesi, Emanuela Rossi: sono solo alcuni dei prestigiosi ospiti della XXV edizione. Dieci giorni caratterizzati, come nella migliore tradizione del Festival, da un forte respiro europeo, al fine di promuovere gli ideali di unità e condivisione con cui l’Unione Europea è nata e che affondano le proprie radici proprio nella storia di Ventotene e nel noto Manifesto redatto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, insieme con Eugenio Colorni e Ursula Hirschmann, durante il periodo di confino trascorso sull’isola.

 

 

 

Allo scopo di avvicinare i giovani e gli studenti a tali idee e per sottolineare la forte ragione sociale e culturale che l’evento ricopre sull’isola e non solo, il Ventotene Film Festival ospita nuovamente il concorso internazionale #OPEN FRONTIERS#: una selezione di documentari provenienti da tutto il mondo, valutati da una giuria composta da artisti di chiara fama e da un presidente scelto dalla Direzione Artistica del Festival. Si rinnova, inoltre, l’appuntamento con #OPEN FRONTIERS YOUNG#, il concorso coordinato dal professore Luigi Mantuano e dedicato ai cortometraggi interamente realizzati da studenti italiani (dall'ideazione al soggetto, dalla recitazione alla produzione).

 

 

 

Il fitto programma della XXV edizione prevede oltre 50 proiezioni distribuite in 5 fasce orarie e in due diverse location: alle ore 17:00, 19:00, 21:00 presso il Centro Umberto Elia Terracini e alle ore 22:30, 00:00 sulla suggestiva terrazza Granili, di recentissima ristrutturazione. Tutti i dettagli relativi al programma sono disponibili al sito ufficiale: www.ventotenefilmfestival.com

 

 

 

Si inizia venerdì 24 luglio, con una giornata dedicata alle isole di Ventotene e Santo Stefano e al carcere borbonico che quest’ultima ospita. Presso il Centro Terracini e i Granili si terranno rispettivamente le proiezioni dei documentari Ritratti di un'isola (Centro Terracini, ore 17.00) e Fine pena mai (Granili, ore 22.30) del regista Salvatore Braca. Quest’ultima proiezione sarà preceduta dall’incontro dal vivo con Silvia Costa, commissario straordinario del Governo per il recupero e il restauro del carcere Borbonico di Santo Stefano in Ventotene e con lo stesso Salvatore Braca. Sarà quindi la volta del docufilm L'isola di Raffaele di Luigi Cecinelli, che racconta Ventotene attraverso gli occhi di Raffaele D’Angelo - ragazzo con sindrome di down, habitué dell'isola e amato da tutti per la sua passione per la musica - che proprio in questa occasione incontrerà il pubblico del Festival. La serata si concluderà quindi con la proiezione del documentario Words of Ventotene di Marco Cavallarin, Marco Mensa ed Elisa Mereghetti.

 

 

 

«Perché ricominciare proprio quest'anno, dopo essere rimasti fermi per due edizioni?» commenta il Direttore artistico Loredana Commonara«Perché abbiamo pensato che fosse necessario, perché sappiamo che il cinema è arte e cultura e che l'arte e la cultura sono un supporto fondamentale in una situazione come quella che stiamo vivendo, perché è giusto offrire una scelta in più a chi deciderà di arrivare comunque nella nostra bellissima isola e naturalmente a chi ci vive. Perciò siamo pronti ad affrontare la grave incertezza economica che colpisce il nostro settore, a sfidare le difficoltà distributive, a correre contro il tempo. Ma soprattutto a garantire la massima sicurezza e attenzione al rispetto delle norme a chi ci verrà a trovare, agli spettatori delle tante proiezioni che siamo riusciti comunque a programmare: titoli italiani e internazionali, documentari, concorso, programma per bambini, non manca niente!».

 

 

 

Il Ventotene Film Festival viene realizzato grazie al contributo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo - Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, della Regione Lazio e del Comune di Ventotene, sotto l’Alto Patronato del Parlamento Europeo.

 

 

 

CONCORSI

 

Tra i 5 titoli finalisti in concorso internazionale #OPEN FRONTIERS# selezionati tra un elevatissimo numero di candidature e dedicati a tematiche che spaziano dalla cittadinanza attiva, alla democrazia e all’integrazione razziale, troviamo: Bedu Beddna Naish di Tekla Taidelli (Egitto, Italia) e Unblock Cuba di Sergio Gregori Marugán (Spagna) in anteprima mondiale al Ventotene Film Festival; Heartwood per la regia di Stefano Petroni (Italia, America Latina); Sistema Sanità – Le Pietre Scartate di Andrea De Rosa e Mario Pistolese (Italia); Undocumented Unafraid per la regia di Arturo Pulido (Messico) in anteprima europea al Ventotene Film Festival.

 

 

 

A decretare il vincitore, durante la serata di chiusura del 2 agosto, la giuria formata dalla regista macedone Teona Strugar Mitevska, nel ruolo di Presidente, dal critico cinematografico e regista Mario Sesti, dagli sceneggiatori Salvatore De Mola e Simona Nobile.

 

 

 

Il 25 luglio alle 19.00 (Centro Umberto Terracini) saranno proiettati i corti finalisti del concorso #OPEN FRONTIERS YOUNG#, a cui seguirà la premiazione del vincitore. Tra i titoli dell’edizione 2020, segnati da temi come l’integrazione, il rispetto dei diritti umani e l’Europa solidale e corredati dalla presentazione di buone pratiche e testimonianze dei protagonisti: Io Voglio Vivere (Scuola amica del rifugiato, Liceo Petrarca di Arezzo), il viaggio per mare di un rifugiato riletto attraverso la lente della letteratura classica; Pensa(Associazione culturale La Macchia di Sezze Romano), sull’isolamento al tempo del Coronavirus per riscoprire una dimensione esistenziale profonda; Pausa del Cuore (Istituto Margherita di Savoia di Roma), che racconta l’incontro con l’altro e la potenza della scuola come laboratorio di vita.

 

 

 

OSPITI E PREMIAZIONI

 

I dieci giorni del Festival saranno innanzitutto occasioni per approfondire la conoscenza dell’opera e della carriera di grandi protagonisti del panorama filmico nazionale e internazionale. Tra questi figurano alcuni ospiti d’eccezione come l’attore WILLEM DAFOE (25 luglio, ore 22.30, Granili) e i registi TERRY GILLIAM (29 luglio, ore 22.30, Granili) e PAOLO SORRENTINO (1 agosto, ore 22.30, Granili). Saranno questi tre preziosi momenti di incontro per il pubblico, che vedranno la partecipazione in collegamento degli ospiti e della giornalista Silvia Bizio. Alla proiezione di opere rappresentative di ciascuno dei tre ospiti, si aggiungerà inoltre la consegna del Premio Vento d’Europa - Wind of Europe International Award, sotto l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo.

 

Nato nel 2013 come riconoscimento internazionale per celebrare la figura di Altiero Spinelli, il premio è internazionale e itinerante e viene assegnato nell’ambito delle principali rassegne cinematografiche, dalla Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ai Festival di Roma, Cannes e Berlino e a New York durante il festival “Italy on screen today”.  Negli anni il riconoscimento è stato conferito, tra gli altri, ai registi MATTEO GARRONE, CRISTIAN MUNGIU, WIM WENDERS, SERGIO CASTELLITTO, EMIR KUSTURICA, ai registi Premio Oscar JAMES IVORY, JULIE TAYMOR, LOUIE PSIHOYOS, STEFANO MORDINI, PAOLO GENOVESE,  scrittori e sceneggiatori GIANCARLO DE CATALDO, ANDRÈ ACIMAN e FRANCESCO PICCOLO, attori FABRIZIO BENTIVOGLIO, MARGHERITA BUY, MARCO GIALLINI, PAOLA CORTELLESI, VINICIO MARCHIONI, FABRIZIO GIFUNI, MONICA GUERRITORE, il britannico TOBY JONES, l’On. SILVIA COSTA, al tre volte premio Oscar VITTORIO STORARO.

 

 

 

Appuntamenti imperdibili dell’iniziativa saranno, poi, gli incontri con l’attrice PAOLA CORTELLESI (30 luglio, ore 22.30, Granili) e con le registe PERNILLE FISCHER CHRISTENSEN (26 luglio, ore 19.30, Centro Umberto Terracini), premiata con l’Orso d’argento al Festival di Berlino 2006; EMANUELA ROSSI (27 luglio, ore 22.30, Granili), Nastro d'Argento SIAE per la migliore sceneggiatura; TEONA STRUGAR MITREVSKA (28 luglio, ore 19.00, Centro Umberto Terracini), acclamata all’ultimo Festival di Berlino 2020. Agli incontri parteciperà in collegamento la giornalista Elisabetta Colangelo. A Paola Cortellesi, Pernille Fischer Christensen e Teona Strugar Mitrevska andrà inoltre il Premio Julia Major. Il prestigioso riconoscimento viene conferito a personalità femminili che si sono affermate nel cinema, nella musica, nella letteratura e nei diritti civili. 

 

 

 

In relazione all'emergenza sanitaria tutti gli ospiti e tutti i premiati saranno in collegamento in esclusiva per il Ventotene Film Festival.

 

 

 

Al meglio della produzione contemporanea, si aggiungerà la proiezione omaggio di Giù la testa, dedicata alla memoria di Ennio Morricone (26 luglio, ore 17.00, Centro Umberto Terracini).

 

 

 

SEZIONI SPECIALI

 

Il programma dell’edizione 2020 sarà ulteriormente arricchito da tre sezioni speciali:

 

GREEN PATH, serie di documentari nazionali e internazionali dedicati all'ecologia, all'impegno nella salvaguardia del pianeta, alle energie rinnovabili. Un focus necessario per un evento che si svolge in un'area marina protetta di valore come quella di Ventotene e Santo Stefano e che sposa perfettamente gli ideali del Festival, intenzionato a promuovere questi stessi valori attraverso un’edizione ecosostenibile e plastic free. In questa sezione i titoli Before The Flood di Fisher Stevens; Chasing Ice di Jeff Orlowski; Antropocene – L’Epoca Umana di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky, Nicholas de Pencier.

 

REGISTE EUROPEE IN SCENA, una selezione di film di registe europee come il Premio Oscar Vanessa Redgrave (Sea Sorrow, Il Dolore del Mare); Céline Sciamma (Ritratto della giovane in fiamme)Pernille Fischer Christensen (Becoming Astrid); Teona Strugar Mitevska (Dio è donna e si chiama Petrunya) e Isabel Coixet (La casa dei libri).

 

SEZIONE PROSPETTIVA ITALIA, una selezione della migliore produzione italiana contemporanea. In questa sezione: Tornare di Cristina Comencini, Buio di Emanuela Rossi, Il ladro di giorni di Guido Lombardi, Figli di Giuseppe Bonito, Favolacce di Fabio e Damiano D’Innocenzo, 5 è il numero perfetto di Igor Tuveri.

 

SEZIONE SCENARIO DOCRitratti di un'isola di Salvatore Braca (anteprima mondiale) , Lucus a lucendo – A proposito di Carlo Levi di Alessandra Lancellotti e Enrico Masi, A gift from God di Jørgen Lorentzen e Nefise Özkal Lorentzen (anteprima italiana), Behind The Fences di Tamara Abu Laban (anteprima mondiale), Fine pena mai di Salvatore Braca (anteprima mondiale), L'isola di Raffaele di Luigi Cecinelli, The words of Ventotene Marco Cavallarin, Marco Mensa ed Elisa Mereghetti.

 

CINEMA E FANTASIA, sezione dedicata ai tanti bambini e ragazzi che vivono l’isola, con film di animazione e non, scelti fra grandi classici e nuove uscite.

 

 

 

Il pubblico avrà inoltre la possibilità di assistere - in seconda serata – ad una selezione della produzione internazionale dell'ultimo anno: una sezione di titoli pluripremiati, in grado di spaziare tra una grande varietà di generi.

 

 

 

Tutti i dettagli relativi al programma sono disponibili al sito ufficialewww.ventotenefilmfestival.com

 

 

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Altri articoli di Monia Manzo

Chi è in linea