Abbiamo visto IL GRANDE PASSO di Antonio Padovan, Premio Miglior attore ex aequo GIUSEPPE BATTISTON e STEFANO FRESI @TorinoFilmFestival

Domenica, 01 Dicembre 2019

Delizioso l’ultimo film di Antonio Padovan, cucito addosso a due straordinari attori che, non a caso, si sono aggiudicati il Premio per il Miglior attore al Torino Film Festival che si chiude oggi.

A nostro avviso il film piacerà molto ai più piccoli, pur non essendo un film per bambini, ed i genitori faranno bene a portare i propri figli a vedere questo film che racconta la tenacia e la forza di un uomo che non tradisce i propri sogni.

Durante la proiezione abbiamo pensato al meraviglioso L'uomo che comprò la Luna di Paolo Zucca

(https://www.viviroma.it/index.php?option=com_community&view=groups&task=viewbulletin&groupid=65&bulletinid=4558&Itemid=188&fbclid=IwAR2ZBym3_dvQwEOYbDNT-nAdieAJeXguwT0RNucWMEIxX7n2Iof4Dhq5kM0),

non solo perché la Luna è protagonista nei due film, ma per quella innocenza e quella poesia che si respira nei personaggi dei due film.

Non siamo di fronte ad un capolavoro, ma un film divertente e sincero che vale la pena di vedere anche solo per il fatto che qualcuno abbia finalmente pensato di fare recitare insieme questi due attori che sembrano veramente separati alla nascita!

OFF IlGrandePasso 01 Giuseppe Battiston e Stefano Fresi set Argine del Po

 

SINOSSI

Da quando, a sei anni, Dario Cavalieri ha visto in diretta le immagini del primo sbarco sulla Luna, non ha mai smesso di volerci andare.

Costruire in un fienile un missile per arrivare sulla Luna sembra una roba da matti. E nel piccolo bar del Polesine, Dario (Giuseppe Battiston) è considerato più che lo scemo, il velleitario del villaggio. Un Ufo antropologico. 

Mario Cavalieri gestisce un negozio di ferramenta a Roma, fino al giorno in cui la sua esistenza viene sconvolta dallo squillo del telefono. Suo fratello Dario è in prigione. Mario si ritrova a essere l’unico che può occuparsi di quel fratello che ha visto una sola volta in vita sua.

Un giorno compare il fratello mai conosciuto, Mario (Stefano Fresi): figli dello stesso padre e di madri diverse. Dopo insofferenze e bisticci, nasce la complicità. Secondo film del regista di Finché c’è prosecco c’è speranza: ogni riferimento alla poetica di Carlo Mazzacurati non è casuale.

I due fratelli, tanto simili fisicamente quanto differenti caratterialmente, si ritroveranno soli di fronte a un’impresa impossibile.

NOTE DI REGIA

«Raccontando questa storia ho voluto rendere omaggio a due mondi del cinema che amo. Da un lato quello americano, un po’ infantile e sentimentalista, con cui sono cresciuto da bambino: il cinema di sognatori come Steven Spielberg, dell’ingenuità vista come valore, dell’inno alla meraviglia. Dall’altro il cinema della mia terra, quello silenzioso e sincero, creato da artigiani come Carlo Mazzacurati, fatto di spazi dilatati, di sentimenti delicati e autentici, traboccante di affetto per la normalità».

Antonio Padovan

Antonio Padovan (Vittorio Veneto, Treviso, 1985) a ventidue anni si trasferisce a New York, dove inizia a lavorare nel mondo del cinema e della pubblicità. Nel 2013 scrive e dirige Jack Attack, episodio del film All Hallow’s Eve 2. Come cortometraggio a sé stante, viene invitato a più di cento festival, dove riceve decine di premi, e viene acquistato da Magnolia, Rai e Mediaset. Nel 2015 vince il premio Speciale Giotto al Giffoni Film Festival. Il suo primo lungometraggio, Finché c’è Prosecco c’è speranza, tratto dal romanzo di Fulvio Ervas, esce con successo nelle sale italiane nel 2017 e viene distribuito all’estero da Fandango con il titolo The Last Prosecco. Vince diversi premi internazionali e, in Italia, è nominato ai Globi d’oro e ai Nastri d’argento. 

FILMOGRAFIA

filmografia/Socks and cakes (cm, 2010), Perry St. (cm, 2010), Tillman (cm, 2011), Mia (cm, 2011), Puh-Rump-A-Pum-Pum (cm, 2011), Once Upon a Time, Inc. (doc., 2013), Jack Attack (cm, 2013), The Mods (cm, 2014), Eveless (cm, 2016), Il piccolo girasole che si innamorò della Luna (cm, 2016), Finché c’è Prosecco c’è speranza (2017), Il grande passo (2019).

Antonio Padovan
IL GRANDE PASSO
Italia/Italy, 2019, 96’, col.
regia/director
Antonio Padovan
soggetto, sceneggiatura/story, screenplay
Antonio Padovan, Marco Pettenello
fotografia/cinematography
Duccio Cimatti
montaggio/film editing
Paolo Cottignola
scenografia/production design
Gaspare De Pascali, Mattia Lorusso
costumi/costume design
Andrea Cavalletto
musica/music
Pino Donaggio
suono/sound
Francesco Liotard, Gianni Pallotto
interpreti e personaggi/cast and characters
Giuseppe Battiston (Dario), Stefano Fresi (Mario), Roberto Citran (l’avvocato/lawyer Piovesan), Camilla Filippi (Carlotta), Vitaliano Trevisan, Flavio Bucci
produzione/production
Ipotesi Cinema, Stemal Entertainment, Rai Cinema

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

Eventi

Post dai gruppi

Chi è in linea