Viviroma.it spettacoli a Roma - FESTIVAL DEL CINEMA TURCO

Lunedì, 25 Novembre 2019

FESTIVAL DEL CINEMA TURCO

Roma 25 novembre 2019                                                                        articolo di : Moretti Maurizio

November-25-19 19:24:47.jpeg (600×600)

Red Carpet allestito nel cuore di Villa Borghese, presso la Casa del Cinema dove, il Centro Culturale Turco di Roma ha promosso, attraverso questa prima edizione istituzionale del Festival, il patrimonio culturale della Turchia con alcune produzioni cinematografiche.

Presenti al Festival diverse personalità, anche dell’ambasciata turca, insieme al pluripremiato, tra cui una Palma d’oro a Cannes, regista Nuri Bilge Ceylan, che ha presentato il suo ultimo film : L'albero dei frutti selvatici.

Le tre ore circa della proiezione, che ha seguito il ricevimento, sono state precedute da una breve presentazione del Festival e, del suo scopo, di far conoscere l’evoluzione culturale della società turca. Compito che si ripeterà in prossimi eventi.

Le vicende del film di Ceylan, trascorrono intorno alla figura di un giovane studente universitario che, rientrato in famiglia dopo aver completato gli studi, porta con sé il sogno di pubblicare un libro che ha appena scritto. 

I confronti con i vari interlocutori; dal sindaco del paese ad un imprenditore, a cui lo stesso lo indirizza; dall’Imam del posto, ad uno scrittore locale; dalle figure dei nonni paterni a, soprattutto, la figura del padre, conducono il protagonista, di volta in volta, a confrontarsi con varie tematiche, dalla religione al ruolo del denaro. Il tutto sullo sfondo di un paesaggio turco, scelto particolarmente povero e disadorno. 

Il pero selvatico, titolo del libro che il giovane studente vuole pubblicare, sottolinea una delle chiavi di lettura del film che intende, aprendo la porta della riflessione, distinguere “i frutti” dell’omologazione, con la relativa comune accettazione, dai “frutti selvatici” che hanno, comunque, una loro ragione d’essere, ed un loro margine d’apprezzamento significativo per le loro peculiari caratteristiche.

Nella conferenza stampa, alla fine della proiezione, il regista Ceylan, sollecitato dalle numerose domande, ha avuto modo di approfondire diversi aspetti del film lasciando, ai presenti, varie considerazioni fra le quali è significativa, in aderenza al film, quella in cui ritiene l’appartenenza, a volte, come un limite e, il sentirsi estranei a determinati contesti, uno stimolo alla ricerca per capire e, così esaltare, l’unicità delle persone.

                                                                                          MM

November-25-19 19:25:42.jpeg (600×600)

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Autore

MxM

Altri articoli di MxM

Sabato, 11 Gennaio 2020
L’UOMO PERFETTO
Venerdì, 10 Gennaio 2020
PERFETTA

Post dai gruppi

Chi è in linea