Viviroma.it spettacoli a Roma - CINEMA - Abbiamo visto: MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITÀ di Daniele Luchetti

Giovedì, 07 Marzo 2019

In uscita il 14 marzo nelle sale cinematografiche il film di Daniele Luchetti Momenti di trascurabile Felicità con Pif, Thony, Renato Carpentieri.

momenti-di-trascurabile-felicita-locandina-low

Il protagonista Paolo -interpretato da Pif- tornando a casa muore in un incidente stradale cadendo dal motorino; una volta in paradiso tornerà alla sua vita per 1 ora e 32 minuti a causa di un errore. Qui dovrà fare i conti con la sua vita passata e con i suoi affetti più cari. Finale a sorpresa con colpo di scena.

Un film divertente, esilarante, consigliato a chi desidera un po’ di comicità ma anche a coloro che non disdegnano o che prediligono tematiche socio-culturali impegnative come quella sulla morte o sul senso della vita.

Daniele Luchetti affronta questi argomenti ponendosi molteplici domande, alcune possono sembrare anche banali o superflue, con lo scopo di trasmettere un messaggio: lasciarsi travolgere dall’allegria e dalla gioia di vivere, nonostante le difficoltà, i dolori, non farsi mai sopraffare dalla banalità o appiattire dalla quotidianità.

Il film è liberamente tratto da “Momenti di trascurabile felicità” e “Momenti di trascurabile infelicità” dell’autore Francesco Piccolo, edito da Einaudi.

Cosa accadrebbe a ciascuno di noi se sapessimo che quella è l’ultima ora o l’ultimo giorno della nostra vita?

Quali sono le cose che vorremmo aver fatto, quali i rimpianti e le aspettative?

Eppure tutti noi sappiamo che quel giorno prima o poi arriva, ma ci comportiamo come se non lo sapessimo.

Ed allora quante occasioni perdute, quante frasi non dette, quante scelte sbagliate o cose rimandate.

Sembrano questi i temi centrali di questo film ironico e divertente.

Ancora una volta PIF -che interpreta il protagonista- affronta tematiche molto complesse e con la sua ironia cattura l’attenzione dello spettatore per condurlo, con comprensione e un po’ di leggerezza, alla riflessione su aspetti attuali ma molto delicati e difficili come quelli della morte.

Un film dai tratti malinconici e cinici ma con un grande messaggio: ogni momento della vita è prezioso ed è fondamentale non dare mai le cose per scontate e dare il giusto valore alle persone che amiamo, non dobbiamo trascurare quei momenti di felicità; perché la gioia è fatta appunto di frammenti, istanti unici e irripetibili, mai uguali a se stessi.

Gli argomenti non sono particolarmente originali e proprio per questo la scelta ambiziosa ci sembra riuscita, con una sceneggiatura non banale con spunti molto interessanti, con il giusto equilibrio tra il divertimento e l’irriverenza, tra la tragicità e la solitudine da una parte e l’amore e la speranza dall’altra.

Il ritmo della narrazione è incalzante e veloce abbastanza da regalare a tutti “momenti di trascurabile felicità” e lasciar riflettere ciascuno sulle proprie domande e aspirazioni.

L’interpretazione dei protagonisti è puntuale, penetrante e molto efficace.

Bravissimi gli attori, anche i più giovani.

La scenografia è vivace e caratteristica, si presta bene come cornice, tale da avere il giusto peso rispetto allo svolgersi degli eventi e studiata per far pensare a una storia come tante, in un luogo qualsiasi, a una persona qualunque.

Questo gioco contribuisce e conduce volutamente lo spettatore a identificarsi con i suoi protagonisti.

Le musiche sono in perfetta sintonia con gli stati d’animo dei personaggi.

Film prodotto da Beppe Caschetto. Una produzione ibc movie con Rai Cinema. Durara 93’.

Altri attori: Angelica Alleruzzo, Francesco Giammanco, Vincenzo Ferrera, Franz Santo Cantalupo, Manfredi Pannizzo.

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Autore

cileno

Accedi con Facebook

Chi è in linea