Recensione - "Ingegneri di Anime" di Frank Westerman

Giovedì, 19 Marzo 2020

"Ingegneri di Anime", il nuovo libro di Frank Westerman edito in Italia da Iperborea, è la storia avvincente di come gli autori sovietici siano stati costretti a scrivere al servizio del comunismo dell'ex Unione Sovietica.

La penna affilata di Westerman combina un ottimo esempio di giornalismo investigativo con un pizzico di storia letteraria. Nella geniale costruzione del libro è palese e continuo il contrasto tra il passato sovietico e la Russia odierna, una sorta di labirinto di specchi che si svela man mano al lettore.

Fu nel 1932 che Stalin per la prima volta usò l'espressione "Ingegneri di Anime" per riferirsi agli scrittori sovietici. Divenne una frase nota e anche un concetto temuto. Insieme agli ingegneri reali, questi Ingegneri di Anime avrebbero dovuto contribuire all'istituzione definitiva del paradiso comunista: cambiando l'aspetto del paese con un acquedotto ambizioso.

Agli scrittori fu anche dato il compito speciale di elogiare generosamente i costruttori, tanto che questo divenne un genere letterario-propagandistico a se stante, a cui Westerman, che una volta era uno studente di ingegneria idraulica, dedica gran parte di la sua attenzione.

Per la realizzazione di questo libro l'autore sostiene di aver intrapreso due viaggi spettacolari: il primo verso il Golfo di Kara Bogaz, ora una baia fangosa nel Mar Caspio, ma una volta descritto da Konstantin Paustovski come una meraviglia dell'ingegneria idraulica, e il secondo attraverso i libri - e le vite - di altri scrittori sovietici, come Maxim Gorki, Andrej Platonov, Boris Pilnjak e Isaak Babel.

Paustovski è ben scelto come personaggio principale di questo dramma in molti atti: egli è una figura intrigante collocata nel periodo sovietico, che diventa una leggenda virtuale con la sua autobiografia in sei volumi.

"Ingegneri di Anime" restituisce agli scrittori la loro storia, proprio nel punto in cui la loro libertà di espressione è stata loro sottratta.

Stefano Mc Vey

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Autore

Steve

Socialnetwork

Eventi

Chi è in linea