Le interviste di Viviroma: Marussa Giovinazzo

Mercoledì, 08 Luglio 2020

Abbiamo incontrato Marussa Giovinazzo, artista romana emergente. Ci ha colpito questo nome  particolare, conosciamo solo un'altra Marussa,  la proprietaria della galleria Piece unique di Parigi, Marussa Gravagnuolo. Cosi Viviroma ha deciso di fare quattro chiacchiere con lei:

COME NASCE LA TUA PASSIONE PER L’ARTE?
M.Giovinazzo: L’Arte in tutte le sue forme di espressione, ha avuto un ruolo molto importante nella mia vita. Disegnavo e dipingevo fin da bambina. È stata fonte di ispirazione e crescita personale sotto ogni punto di vista.

CON QUALI MATERIALI PREFERISCI LAVORARE ?
Solitamente dipingo le mie opere con colori acrilici o ad olio. Preferisco i colori acrilici per la loro facilità nell’essiccazione a differenza di quelli ad olio, quindi per una più veloce esecuzione del lavoro, mantenendo comunque una buona stesura e brillantezza. Le tele che preferisco sono in cotone a grana fine 100x70 o 90x75 , con spessore standard dai 2 ai 4 cm. Le dimensioni vengono scelte secondo il lavoro da eseguire. Per quanto riguarda le sculture, lavoro con Plastilina Epossidica bi-componente e auto indurente. Successivamente dipinte con colori acrilici.

foto

QUALI PERSONE, EPISODI HANNO INFLUENZATO IL TUO PERCORSO ARTISTICO ?
I miei genitori mi hanno cresciuta apprezzando l’arte e rendendomi partecipe delle sue innumerevoli sfaccettature. Mio padre è un orafo e collezionista di arte antica e moderna, mia madre ricamatrice e sarta di alta moda. Hanno influenzato sia me che mio fratello anch’esso orafo e Body Builder professionista. Condividere l’amore per l’arte, la moda, la musica, mi ha offerto una visione molto ampia della vita.
 
QUALE PERCORSO DI STUDIO HA EVOLUTO LA TUA CAPACITÀ NELL’ARTE ?
I miei percorsi artistici iniziano studiando Alta Moda, come Stilista, Figurinista, e Costumista. Poi successivamente la creazione di accessori come borse, cappelli e gioielli di bigiotteria. Disegnare, dipingere e creare ha fatto sempre parte di tutto questo percorso. L’ ispirazione della pittura su tela è avvenuta da autodidatta. Anch’essa come la creazione di sculture. Molte volte se c’è dentro di noi la passione per l’arte, non c’è bisogno di una vera e propria formazione. Questo lascia all’artista modo di esprimere le proprie emozioni con autenticita’.

SAPPIAMO CHE HAI MOLTE IDEE ED INTERESSI, CE NE PARLI ?
L’ ispirazione è il punto di partenza di ogni mio lavoro. Dipingere è quello che faccio maggiormente, ma se arriva una nuova idea, lascio quello che stavo facendo e ne inizio un’altra. Mi piace creare più lavori contemporaneamente. Questo mi da modo di non annoiarmi mai, spaziando tra un’opera e l’altra. Molte volte mi chiedono come riesca a fare tutte queste cose insieme. Io non so mai esattamente cosa rispondere perché per me è la normalità. Posso solo dire che quando arriva l’ispirazione sono spinta a creare e questo mi fa stare bene.

LE TUE OPERE MOSTRANO VARIE TEMATICHE E SCENARI. QUAL È IL DENOMINATORE COMUNE E COSA VUOI ESPRIMERE ?
I miei lavori si basano su ricordi, informazioni e sentimenti. La mia passione per la geometria, la scienza, la musica, il cinema ( Horror - Fantascienza ), per vari ordini mondiali come raffigurazioni massoniche e stemmi araldici, paesaggi, mi porta ad esplorare ed esprimere situazioni e soggetti di cui difficilmente si sente parlare o si hanno vere e proprie spiegazioni.

QUALI SONO I TUOI PROGETTI ?
Ho molte idee che già hanno preso forma e continueranno nella loro evoluzione; Sculture in resina epossidica con componenti elettronici. Quattro dipinti. Il primo ispirato alla Gioconda e alle opere dell’Arcimboldo, il secondo uno Stemma Araldico per un Cavaliere , il terzo inferno e paradiso ispirato al libero arbitrio, il quarto al film Shining di Stanley Kubrick, anche se già penso a crearne degli altri. Sto scrivendo 4 libri. Il primo sulle mie opere con foto e descrizione, il secondo con 13 mini storie Horror chiamato “ I 13 Capitoli “ ( The 13 Chapters ), il terzo un Thriller psicologico chiamato “ Asian Surgery e il quarto un libro didattico per bambini, età compresa dai tre anni, con disegni raffiguranti i personaggi, la Terra e i pianeti dell’Universo.
Durante il lungo periodo del lockdown ( Covid-19 ),ho creato il sito “MARUQUEEN “( www.maruqueen.store ), dove tramite VANS ho potuto creare tre tipologie di scarpe con immagini di alcuni miei dipinti. Parte dei proventi sono stati devoluti per aiutare alcune piccole imprese in difficoltà. Ora nel sito in espansione, sì possono acquistare stampe dei miei dipinti, t-shirt,scarpe,mug,mascherine e tanti altri articoli disponibili anche su Facebook, Instagram, Amazon, Ebay, Etsy.
Era in programma la mia mostra personale a Roma ( Trastevere ), ma per emergenza Covid-19, non è stato possibile organizzarla. Visto ancora le difficoltà in merito, ho pensato di far creare la mia “ Foto Gallery Virtuale “, per dar modo a tutti di partecipare, ma è ancora in fase embrionale.

COSA CONSIGLI AD UN ARTISTA CHE VORREBBE VIVERE L’ARTE ?
Di viverla con tutto se stesso, cercando di esprimere al meglio le proprie emozioni.
Cogliere l’ispirazione e creare tutto quello che sente, senza pensare agli stereotipi
che la società ci impone. Non avere fretta di vendere le proprie opere, anche se
all’artista, spesso può servire come sostentamento economico. Non si crea Arte
pensando al guadagno o al diventare famosi, ma lo si fa per esprimere quello che è il nostro pensiero e i nostri sentimenti, cercando di portare emozioni e scuotere la mente e il cuore delle persone, incuriosite dall’opera creata. Quindi viverla come un “privilegio”, poter esprimere a tutti il proprio mondo interiore, con un lavoro unico.

FF1EB738-2651-446F-AE6B-EE1F33C2A2AE.

CHI È “MARUSSA” NELLA VITA REALE ?
Ogni giorno la mia vita è immersa nell’Arte. Mi capita di viverla tutti i giorni, tra famigliari e amici. E’ propri lì che arrivano le mie ispirazioni. Si pensa ad un Artista come una persona enigmatica, invece sono più semplice di quanto sembri. La mia empatia mi dà modo di adattarmi con chiunque e in ogni luogo aprendo spesso nuove strade. Per creare ci vuole concentrazione, ore e giorni di lavoro. Può sembrare mi estranei da tutti, ma in realtà non è così. La mia vita è tra realtà e immaginazione creativa e di questo mi ritengo molto fortunata.

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

Chi è in linea