Viviroma.it spettacoli a Roma - Abbiamo visto NOI LE RAGAZZE DEGLI ANNI 60 al Teatro Manfredi

Mercoledì, 29 Gennaio 2020

Abbiamo visto “Noi le ragazze degli anni 60” al Teatro Manfredi , sabato 25 gennaio

Scritto, diretto e interpretato da Grazia Scuccimarra.

Grazia Scuccimarra è nata a Teramo il 26 dicembre del 1944. Scrittrice, docente, attrice e regista teatrale. Fin dall'adolescenza ha coltivato la passione per la scrittura. A diciassette anni era corrispondente per il “Corriere della Sera”. La passione per la musica l'ha portata a scrivere testi per canzoni. Ha iniziato la sua carriera a Roma nel Folkstudio in Trastevere.  Nel 1979, all'età di 32 anni , affittò il teatro Leopardo a Trastevere e cominciò a esibirsi portando in scena il suo primo lavoro teatrale "Successo".  Da quel momento portò in scena nuovi spettacoli da lei scritti e interpretati, mediamente al ritmo di uno all'anno, tutti ampiamente apprezzati dalla critica e dal pubblico. Il suo spettacolo Noi le ragazze degli anni '60 ha avuto fino ad oggi più di 2000 repliche nei teatri di tutt'Italia ed all'estero. Nel 2005 ha ricevuto il premio della Società Dante Alighieri per la cultura. L'attrice è stata insignita del premio per la legalità "Paolo Borsellino".

Nel lontano 1983 “Noi, le ragazze degli anni 60” andò in scena per la prima volta e da allora non ha mai smesso di essere rappresentato. L’autrice, attrice e regista dei sui spettacoli  racconta con ironia, vivacità, umorismo ed intelligenza l’adolescenza delle ragazze degli anni sessanta fino ai giorni nostri. La Scuccimarra si diverte e diverte nel raccontare le loro vicende, i primi impacciati passi nella società di allora, il vestire ,il truccarsi, la sessualità, gli atteggiamenti con i ragazzi, studiare, sognare. Ed il confronto con i tempi attuali, che l’autrice ci presenta, è esilarante e di grande comicità. L’intenzione è di divertire, di riderci sopra, ma con intelligenza.

Ha detto infatti Grazia Scuccimarra : ” … Si deve ridere.. sorridere di quello che ci accade.. di quello che nella società accade, però mantenendo sempre un occhio estremamente critico  perché il ridere e basta fa poi di uno spettacolo comico solo uno sfogatoio…” .

Danilo Ferrin

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Chi è in linea