Abbiamo visto "Bahamut" al teatro Vascello

Lunedì, 30 Dicembre 2019

In questo spettacolo non si capisce niente. 
E non c'è niente da capire. 
Se non quello che le proprie sinapsi sono in grado di mettere insieme, un'esasperazione dei concetti e un capovolgimento dei luoghi comuni in cui ciascuno ha la libertà di capire ciò che vuole con i propri meccanismi. E' questo che diverte, persino in un buio di oltre 30 secondi carico di aspettativa, di densità e di vuoto, che per chi conosce lo spessore plastico "rezzamastrellense", sa che è presagio di un capolavoro.
In Bahamut, opera del 2006, molto liberamente ispirata alla creatura descritta ne "Il Manuale di Zoologia fantastica” di Borges , c'è un uomo paralitico che tirannizza i suoi infermieri e da vittima diventa carnefice, del resto "sono pagati per questo". Segue il palestrato che espira ad ogni esercizio costruendo una storia verbosa di soli afflati. Il nano, più basso delle sue ambizioni, che gioca con le aspettative del pubblico muovendosi al buio e mostrandosi con la luce. L'imprenditore Porfirio, che rende larve coloro che indossano i suoi abiti e così la signora Porfirio, personaggio ricorrente in tutta la non-storia, fintamente forte che che ha trascorso gli unici momenti felici della sua vita quando è stata stuprata. Lo zio che sul letto di morte se la prende con tutti, tanto sta per morire. La donna incinta che spera che il figlio sia maschio perché se è femmina sono botte. Insomma qualsiasi concetto che anche lontanamente ricorda il teatro borghese viene schiacciato da un patchwork di personaggi improbabili e impresentabili che trovano compimento nella reiterazione di concetti, prendono forza e forma da allitterazioni e da idiomi fluidi che rendono estetica la schizofrenica performance. Non servono troppe parole per denunciare l'identità violata di un gruppo di Indios, più efficace intonare a fior di labbra un canto drammaticamente ironico. E' con il corpo che rezzamastrella si scatena, provocando con genialità e finta semplicità le attonite risate del pubblico che attende ad ogni spettacolo di essere coinvolto in una carneficina di idee preconcette.  
E chi è Bahamut? Solo un pesce mostruoso che si muove dentro e fuori la realtà, dentro e fuori l'utopia, dai mille volti e mille luoghi, che scivola al tatto della ragionevolezza. E se l'uccellino chiuso fuori dal cucù non fosse solo la vittima di una ingiustizia ma anche l'espressione di uno stop alla zona confort? Ad ognuno la sua verità.

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

  • Monia Manzo ha creato un nuovo articolo

    18 ore fa 45 minuti fa

    TUTTE A CASA

    Al via da oggi 1° luglio il crowdfunding per “ Tutte a casa - Donne, Lavoro, Relazioni ai tempi del Covid-19 ” il documentario partecipato che narra il rapporto tra donne e lavoro ai tempi del Coronavirus. La piattaforma è Produzioni dal basso . Il progetto è stato ideato da un gruppo di professioniste dello spettacolo, documentariste,...

    Arte
  • Monia Manzo ha creato un nuovo articolo

    21 ore fa 40 minuti fa

    SUNSET DRIVE IN Il tuo cinema all’aperto negli Studios di Cinecittà

    SUNSET DRIVE IN Il tuo cinema all’aperto negli Studios di Cinecittà Nella cornice di Cinecittà Studios, il 3 luglio 2020 apre Sunset Drive In , un cinema all'aperto in grado di ospitare 160 automobili e 320 spettatori. Con due programmazioni a serata, sarà aperto dal venerdì alla domenica a partire dalle ore 20:00. Un’esperienza che richiama un...

    Cinema
  • Monia Manzo ha creato un nuovo articolo

    21 ore fa 49 minuti fa

    OSTIA ANTICA FESTIVAL 2020

    OSTIA ANTICA FESTIVAL 2020 Dal 1 luglio aprono le prevendite per i primi 7 spettacoli annunciati in cartellone di Ostia Antica Festival 2020. 31 Luglio: Francesco Montanari rilegge i Menecmi di Plauto. La prima commedia degli equivoci 2 Agosto: Arturo racconta Brachetti. Intervista frizzante tra vita e palcoscenico con Arturo Brachetti 8 Agosto:...

    Teatro
  • Monia Manzo ha creato un nuovo articolo

    21 ore fa 52 minuti fa

    LA VOLTA BUONA

    Con La volta buona , Vincenzo Marra , ci regala una storia di sentimenti, di racconto del degrado sociale nonché umano, sia in Italia che in Uruguay. Come molti altri è nella sezione “Alice nella città’” e come sappiamo tutti i protagonisti sono giovani o bambini, come quello scelto dal regista per interpretare il protagonista del film: Pablito....

    Cinema
  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    ieri

    GLI ANNI AMARI

    Non poteva che essere la biografia dell’icona del movimento lgbt italiano, Mario Mieli , controverso pioniere della sessualità oltre gli schemi e cantore della fisicità del corpo e dei contatti, a inaugurare il ritorno al cinema italiano dopo i mesi di chiusura . Con il suo quinto lungometraggio, Adriatico rilegge gli anni 70 attraverso la vita...

    Cinema
  • Riccardo Antinori ha aggiunto un nuovo evento.
    ieri
  • Riccardo Antinori ha condiviso una foto in Cinema
    ieri

    Le foto dei Film usciti nel 2020
  • Redazione ha stretto amicizia con Uffstampa
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Uffstampa
  • Monia Manzo ha stretto amicizia con Uffstampa
  • Monia Manzo
    2 giorni fa

    SUNSET DRIVE IN

    Il tuo cinema all’aperto negli Studios di Cinecittà



    Nella cornice di Cinecittà Studios, il 3 luglio 2020 apre Sunset Drive In, un cinema all'aperto in grado di ospitare 160 automobili e 320 spettatori. Con due programmazioni a serata, sarà aperto dal venerdì alla domenica a partire dalle ore 20:00. Un’esperienza che richiama un intrattenimento old style, riproposto in chiave attuale, che vi terrà compagnia fino ad ottobre nel massimo rispetto delle norme di sicurezza. Il nuovo progetto socio-culturale di Sunset Drive In, con il primo spettacolo previsto venerdì 3 luglio 2020, si svolgerà nello spazio antistante al Teatro 3 di Cinecittà Studios: 6mila metri quadri in grado di ospitare 160 automobili dalle quali guardare comodamente lo schermo da 100mq.



    Il progetto, nato come manifesto della cultura cinematografica

  • Monia Manzo ha condiviso 11 foto nell'album Foto di Monia Manzo
    3 giorni fa

  • Raz Degan ha stretto amicizia con Maru78
  • Serafin ha condiviso 3 foto nell'album Foto di Serafin
    4 giorni fa

    Salve amici, mi presento. Mi chiamo Serafin, sono un dottore sportivo che faccio anche il mestiere di ricercatore e divulgatore di storia e storia dell’arte. Il centro e fulcro della mia ricerca è Roma, dove sono andato per una trentina di volte. I miei primi viaggi a Roma furono fatte come un semplice turista, ma alla fine Roma è diventata la mia seconda casa e la prima ragione per uscire dal mio paese, Ceuta, nel sud della Spagna nello stretto di Gibilterra.
    Fino ad oggi ho fatto tre interventi con Roma al centro della argomentazione principale:
    La capella Sistina e le Stanze
    la tomba di Pietro sotto L’altare della Confessione
    L’ultima Marcia su Roma, un racconto della fine della Repubblica e l’inizio dell’impero Romano.
    Prossimamente verranno la luce le giornate su Raffaello, sei giorni sulla vita e opere del “Divin Pittore”.
    Saluti

  • Monia Manzo ha stretto amicizia con CARLA TORRIOLI
  • Monia Manzo sono entrati nel gruppo Curarsi a Roma

Chi è in linea