ABBIAMO VISTO LA PRIMA DE "LA MENZOGNA" CON PAOLO CALABRESI E SERENA AUTIERI

Giovedì, 05 Dicembre 2019

E’ stata una felice coincidenza che il primo, vero, giorno di freddo stagionale a Roma sia coinciso con la prima de “La Menzogna” al Teatro Ambra Jovinelli con Paolo Calabresi e Serena Autieri: alla temperatura rigida dell’esterno ha fatto da contraltare, infatti, il calore che la Compagnia degli Artisti Riuniti ha portato in scena e che ha riscaldato il pubblico presente sia per il tema trattato nella commedia e sia per la bravura degli attori coinvolti.

D0B3509fabiolovino 1

La Menzogna è un’opera teatrale scritta nel 2014 dallo scrittore e drammaturgo francese Florian Zeller che ha visto nella primavera di quest’anno la messa in scena della prima italiana al Teatro Politeama di Genova.

Nella rappresentazione in scena all’Ambra Jovinelli, la regia e l’adattamento sono di Pietro Maccarinelli e la scenografia è affidata a Carlo Di Marino.

Il tema della commedia è quello del desiderio del tradimento, della verità e della menzogna nella coppia.

La trama è snella: Paolo (Paolo Calabresi) e Alice (Serena Autieri) organizzano una cena nella loro casa borghese con Michele (Toto Onnis) e sua moglie Lorenza (Eleonora Vannis). Due coppie di amici, quindi, che tuttavia anziché trascorrere una tranquilla cena in allegria, vivono la serata con un malessere imprevisto e, a poco a poco, strisciante. La realtà è che Alice ha scoperto che Michele tradisce Lorenza e da qui il dilemma se informare o meno Lorenza della scoperta. Ma è solo l’avvio di una trama che vede le loro vite di coppia nascondere insidie e piccole falsità, cose non dette e recriminazioni.

d0b3917fabiolovino 1

Alice vorrebbe confessare la sua scoperta a Lorenza mettendo davanti a tutto il principio della verità, Paolo vorrebbe, invece, trascinare tutto nell’omertà ovvero nella menzogna, salvaguardando il proprio amico e la sua vita di coppia. Il pubblico in sala, dapprima sorpreso dalla piega degli eventi, sembra poi volersi schierare e prendere posizione su cosa sia giusto fare in questi casi, immedesimandosi in ciò che gli attori stanno vivendo e raccontando sul palco.

E’ in quest’ottica che emergono nei discorsi, frustrazioni, risentimenti, bugie e quella falsa morale borghese che si annida nelle convenzioni ma che alla prova dei fatti crolla, lasciando entrambe le coppie ferite e deluse. Paolo e Alice, Lorenza e Michele si affidano a turno ad un abile gioco di maschere, divertente, ma allo stesso tempo crudele, confondendo i confini tra il reale e l'immaginato.

La Menzogna è una commedia brillante, ma solo apparentemente leggera, infatti lo spettatore rimane spiazzato faticando a comprendere come due belle coppie di successo, benestanti e senza apparenti problemi possano non essere completamente appagati dalla loro relazione matrimoniale.

Dai dialoghi traspare la leggerezza della menzogna e la facilità con la quale le due coppie giocano a turno un ruolo opposto a quello che viene vissuto nella scena precedente.

DSF0984Fabio Lovino 1

A condurre il gioco è Alice, una splendida Serena Autieri che in questa commedia dà l’ennesima conferma del suo talento. Lo spettatore rimane incantato, non solo dalla bellezza di Serena e dal suo sguardo dolce e severo allo stesso tempo, ma soprattutto dal suo modo di tenere la scena, calamitando l'attenzione del pubblico, in ogni momento. Si fatica a capire come lo sguardo di Alice possa accomunarsi, nell’esposizione della narrazione, a poco a poco, alla menzogna; ma forse è proprio questo che rende l’interpretazione della Autieri intensa, autentica, non facile da dimenticare. Non la scopriamo in questa occasione, Serena Autieri, ma solo la sua presenza, credeteci, vale il prezzo del biglietto.

Tuttavia è un Paolo Calabresi in gran forma che scatena gli applausi più convinti del pubblico sia con battute e gesti sia con espressioni facciali che coinvolgono emotivamente soprattutto gli spettatori delle prime file. Gli scambi verbali con Serena Autieri sono intensi e dai ritmi serrati e l’ottima scenografia, composta da un salotto borghese arredato con elementi d’arredo di design, aiuta gli attori ad avere punti di riferimento e a mantenere costante l’attenzione del pubblico sugli spazi del palcoscenico.

Toto Onnis ed Eleonora Vannis supportano splendidamente i due protagonisti principali e negli applausi finali il pubblico lo riconosce tributandone la giusta dose.

Una menzione particolare per i costumi curati da Alessandro Lai, le musiche di Antonio Di Pofi e le luci di Umile Vaineri.

All’uscita dal teatro, gli spettatori appaiono divertiti ma si interrogano anche su tematiche più profonde, quali la trasgressione nella coppia ed in particolare su cosa porti alla menzogna ed in generale alla crisi coniugale: forse la vita stressata di oggi con le frustrazioni, le preoccupazioni ed i piccoli risentimenti che viviamo tutti sono i principali responsabili, ma anche le piccole bugie, che forse non sono neppure vere e proprie bugie ma varianti di verità, fanno la loro parte e comunque sia contribuiscono a consolidare il logorio di un rapporto spesso falsato ed in crisi.

Claudio Padellini (Claudio 7483)

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

  • Riccardo Antinori ha aggiunto un nuovo evento.
    16 ore fa 7 minuti fa
  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    16 ore fa 15 minuti fa

    FARE LA SPESA. Genio romanaccio sconosciuto...

    E' l’unica cosa che mi spaventa. L a prima cosa che provi a fare è ordinarla online. I siti erano talmente intasati che dopo un po’ m’appariva direttamente la scritta STOCAZZO. All’inizio pensavo che fosse er nome della ditta de consegne, poi ho capito: DOVEVO USCÌ. Me comincio a preparà alle 10 pe uscì a mezzogiorno. Quando ho finito la...

    Libri
  • Luigi263 ha una nuova cover profilo.

    20 ore fa 41 minuti fa

  • Luigi263 ha caricato un nuovo avatar
  • Raffaella Zannetti ha stretto amicizia con Luigi263
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Luigi263
  • Aurora Geri ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Claudio Boglione ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Eleonora Bavastro condiviso Aurora Geri foto
    ieri

    È approdata su Viviroma Aurora Geri. Giovane artista che ha deciso di collaborare con noi. Consiglio a tutti di non perdere la delicatezza e la profondità delle sue opere.

    Aurora geri

  • Eleonora Bavastro condiviso IL TRASATTI foto
    ieri

    È approdato su Viviroma quel “Genio di professione e Recensore indelicato” de IL TRASATTI. Consiglio a tutti di seguire le sue geniali ed ironiche recensioni ????

    Screenshot_20200408-220926_Instagram

  • IL TRASATTI ha condiviso una foto.
    ieri

    L'IMMORTALE
    Opera prima per Marco D'Amore che si cimenta con la macchina da presa in un lungometraggio che funge da introduzione all'ultima stagione di Gomorra, e che introduzione aggiungerei.
    Il mitologico Ciro Di Marzio, reduce dall'ennesimo attentato ai suoi danni, vive una nuova avventura condita però sempre con la stessa salsa, quella della sua terra d'origine.
    Nonostante le ambientazioni siano molto diverse da quelle della serie, la regia e le atmosfere sono in linea con quanto raccontanto da Sollima e compagnia; questa tanto breve quanto intensa storia di Ciro riesce a catturare molto di più rispetto all'ultima stagione di Gomorra, che risentiva infatti della mancanza di quest'ultimo, colonna portante della serie insieme a Genny.
    Perfetta a mio parere la sequenza finale, che spalanca le porte alla stagione conclusiva.

  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Aurora Geri
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con IL TRASATTI
  • IL TRASATTI ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha condiviso una foto.
    ieri

    ''Cena in familia''
    Acrilico su cartone telato
    18x13 cm
    _
    Diplomata al Liceo Artistico Statale Caravaggio (Ex Mario Mafai), nel 2017.
    Frequento il terzo anno, del triennio di Pittura, all’Accademia di Belle Arti di Roma.
    Come professore di pittura, i primi due anni, ho avuto Bondi Moreno e, quest'ultimo anno, Scolamiero Vincenzo. Entrambi noti pittori contemporanei.
    Nei miei lavori, il legame con la famiglia, il passato ed il quotidiano, sono il tema predominante, una continua ricerca del bello nel semplice, tramite immagini, ricordi e soprattutto, uno studio approfondito del colore, andando a saturare ed accendere la raffigurazione.
    Sono nata in una famiglia di artisti. Grazie a mia madre e mia nonna, entrambe pittrici, sono cresciuta in un ambiente creativo, colorato e completamente immerso da quadri e tele da dipingere.

    Riccardo Antinori Dovresti postare particolari del quadro così non si vede ne la pennellata ne i dettagli. Così da lontano sembrano impressionisti
    21 ore fa 27 minuti fa
  • Maru78
    ieri

    BIOGRAFIA - La sua costante è un esigenza di cambiamento e le sue idee talmente tante da portarla a dipingere anche quattro opere contemporaneamente; riesce a dipingere 45 opere in un anno. Appassionata di cinema ( film horror- fantascienza), musica, scienza, geometria, porta le sue ispirazioni al punto cruciale, esprimendole sull’opera. Nei suoi dipinti troviamo raffigurati ufo, leggende metropolitane, vari ordini mondiali, raffigurazioni massoniche, ma anche soggetti naturali quali ritratti, paesaggi ed animali. Il tutto mai nella norma, con la voglia di stupire lo spettatore, per dar modo di soffermarsi a pensare all’opera stessa.

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

Chi è in linea