Ho visto MASTRO DON GESUALDO al Teatro Quirino

Giovedì, 05 Dicembre 2019

“Il pesco non si innesta sull’ulivo”: la frase che riassume tutto lo spirito e il messaggio di Mastro Don Gesualdo è proferita proprio dal suo protagonista all’interno di uno dei suoi monologhi più celebri, nei quali l’impossibilità di uno snaturamento dell’uomo dalle proprie radici diventa oggetto di una disperata “stream of consciousness” autoriflessiva. Il personaggio creato da Verga nel 1889, come anche tutta la capillare azione corale in cui si avviluppa il suo romanzo tuttavia “naturalistico” ritorna con la sua estrema attualità in questi giorni, anche a teatro: è infatti di scena al Quirino di Roma la messinscena di Guglielmo Ferro (figlio di Turi, che più volte interpretò Gesualdo) con un’affiatata compagnia capitanata dal protagonista Enrico Guarneri che in questo contesto abbandona ogni mimica umoristica del suo beneamato Litterio Scalisi (beniamino dei varietà tv siciliani) per drammatizzare, modernizzando, una parte che è l’antieroe per eccellenza. L’integrazione della casta a cui ambisce il Mastro che si fa Don, è un’operazione contorta, anacronistica, errata, come dimostra la sua disperazione monologante sottolineata in grandi coup di teatro d’attore: Guarnieri è ritmo con i suoi spartiti sonori ricchi di angoscia, caparbietà, rabbia, tragedia e commiserazione, un ritmo incalzato da una armonica orchestrazione interpretativa del cast che lo accompagna, dove prossemiche e intese di sguardi, tempi e movimenti ben si incastrano in un’azione simbiotica che adegua lo sviluppo narrativo alla concentrazione dello spettatore, che calibra il respiro strozzato di un contesto feudale dalle antiche regole con una testarda ribellione individuale alle stesse, che – in pratica – riesce a equilibrare storia e finzione riportando il passato al presente e l’immaginario alla realtà. Esaltante l’operazione di sintesi drammaturgica compiuta dalle 500 pagine del capolavoro originale, una riprova dell’abilità di adeguarsi alla velocità della società contemporanea nella quale la fruizione deve assaporare la percezione dell’immediatezza, e che il recitar moderno dell’intera compagnia “Progetto Teatrando” rende a menadito soddisfando la curiosità e concentrazione del giudicante in sala in un crescendo immedesimativo che non si sazia neanche nel finale, nonostante le due ore di spettacolo.

Complice di questo dinamismo assoluto è senz’altro un gioco scenografico di movimenti dei pannelli che costruiscono ambienti e situazioni psicologiche sempre personalizzate, aiutati anche dai tableaux vivants con oggetto “Natura” proiettati su un fondale cinematografico che vede sfumature cromatiche allinearsi al ricercato gioco di luci e costumi.

E, come il prezzemolo, su tutta la trama che interseca giochi di psiche e cuore, c’è sempre la “roba”, quella che con ambizione e fatica Gesualdo ha conquistato oltrepassando i suoi antagonisti nobili, quella protesa a soddisfare una relazione familiare - moglie, figlia, cognati, cugini - arida e ipocrita (poiché giocata sulle funzioni), quella che acceca e a volte scatena i sentimenti dell’anima che per istinto hanno voglia di fuoriuscire (come l’amore sincero tra Gesualdo e la sua serva Diodata) ma che si contorcono in sfoghi soliloquianti dell’Io quando, alla fine di tutti i tentativi per migliorare una posizione di subalterità umana e sociale, si rende conto che ha fallito.

In scena fino all’8 dicembre.mastro don gesualdo a sinistra enrico guarneri

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Autore

EliCasti

Altri articoli di EliCasti

Socialnetwork

Chi è in linea

Cookies

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici di terze parti, per proporti pubblicità.

Premi il tasto Approvo per accettarene l'uso e aver letto l 'informativa, oppure esci dal sito, grazie Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza online e tener traccia delle tue preferenze. La presente policy ha lo scopo di farti comprendere che cosa sono i cookie, l'utilizzo che ne facciamo e come poterli eventualmente disabilitare.

Cliccando il tasto "APPROVO" o proseguendo la navigazione su una qualsiasi pagina di questo sito, accetti i nostri cookie.

Che cosa sono i cookie

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali (computer, tablet, smartphone, ecc.), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione delle visite successive. Questo consente ai siti che visiti di riconoscerti e offrirti servizi mirati e/o un'esperienza d'uso migliore.

Per una spiegazione più esausitva puoi consultare queste pagine:

Come controllare e disattivare i cookie

Puoi controllare ed eliminare i cookie rilasciati dai siti che visiti attraverso le impostazione del tuo browser. Ecco una guida per i browser più diffusi:

Terze parti

Questo sito utilizza servizi di terze parti per rendere la tua esperienza più ricca e coinvolgente o monitorare in modo disgregato le attività degli utenti. Integriamo servizi come Facebook, Twitter, Google Analytics. Questi servizi potrebbero rilasciare cookie per il loro funzionamento. Disabilitando questi cookie non potrai usufruire di questi servizi attraverso le nostre pagine

  • Facebook Usiamo Facebook per tenerci in contatto con i nostri utenti. Questo servizio terzo potrebbe rilasciare cookie per il suo corretto funzionamento. Opponendoti al consenso non sarai in grado di utilizzare Facebook attraverso il nostro sito.
    Per maggiorni informazioni puoi consultare questo link 
    https://www.facebook.com/help/cookies/
  • Google AdSense Usiamo Google AdSense per mostrarti della pubblicità mirata. Questo servizio terzo potrebbe rilasciare cookie per il suo corretto funzionamento. Per maggiorni informazioni puoi consultare questo link 
    https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
  • 4 Strokmedia S.p.A
    Usiamo 4 Strokemedia S.p.A, società con sede legale in Via Panfilo Castaldi, 8, 20124, Milano per mostrarti della pubblicità mirata. Questo servizio terzo potrebbe rilasciare cookie per il suo corretto funzionamento.

  • Google Analytics

    Usiamo Google Analytics per tener traccia in maniera aggregata e anonima delle visite dei nostri utenti.
    Questo servizio terzo potrebbe rilasciare cookie per il suo corretto funzionamento.

    Per maggiorni informazioni puoi consultare questo link 
    https://support.google.com/analytics/answer/6004245?hl=i

 

Trattamento dei dati

I vostri dati sono trattati a norma di legge e secondo quanto previsto ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”) e dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679

Vi invitiamo al leggere in maniera attenta La nostra Informativa sulla Privacy.   

Titolare del trattamento.
Il Titolare del trattamento è l'Associazione Okmedicina.it

Diritti dell'interessato. 
Ai sensi dell'art. 7 Codice Privacy, in qualsiasi momento l'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei dati che lo riguardano e di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione. Ha altresì il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi per motivi legittimi al trattamento dei dati che la riguardano. Le relative richieste vanno rivolte al seguente indirizzo e-mail: okmedicina@italiasalute.it.

Informazioni

 

Copyright © 2013-2017 Associazione 

TEL. 391.318.5657 cultura(a)viviroma.it

Via A. Ruffo 48,  Roma

Riproduzione riservata anche parziale

Utenti