Abbiamo visto Bert Brecht Strasse al OFF/OFF Theatre

Sabato, 09 Novembre 2019

Bert Brecht Strasse

Un testo difficile diretto agli appassionati di Bertolt Brecht ma anche agli amanti del teatro più alto, in una carrellata a più voci sulla sua opera. Con una chicca: una bellissima immaginazione su come poteva essere la messa in scena di Beckett da parte del drammaturgo tedesco.

Dai diari e scritti teatrali di Bertolt Brecht è stato tratto questo testo per ricordare Brecht, in difesa del suo pensiero d’arte e di vita. In questi tempi dove sembra essere sparita la dialettica politica e stiamo vivendo la realizzazione del pensiero unico senza che ci sia apparentemente una dittatura è importante parlare della sua utopia di una società basata sull’uguaglianza partecipata. Come si è arrivati al disinteresse per l’impegno politico dei millenials?

 

Gli attori che si alternano sul palco ci fanno riflettere sull’indifferenza, che bisogna lottare per un mondo disuguale, tra la cattiveria utile dei molti, e l’inutile bontà dei pochi.

E sembra calzare perfettamente alla nostra società attuale anche se gli scritti sono del secolo scorso, il cambiare tutto per non cambiare niente e lasciare tutto com’è: parabola di un mondo che evoca ipocritamente la difesa dell’ambiente solo per legittimare l’immobilità dei propri rapporti economici e sociali.

Brecht è impersonato dall’ottimo Claudio Trionfi, che non cade mai nella prosopea mentre un gruppo di giovanissimi attori rappresenta i vari personaggi. Si nota che sono alle prime rappresentazioni ma spicca tra loro Ivano Cavaliere e lo aspettiamo alle prossime prove.

Luci e ambientazione senza particolari emozioni, così come i costumi.

Interessante la regia di Giancarlo Sammartano che fa trasparire il suo amore per l’autore naturalizzato austriaco ma lasciamo a lui come solito la parola: “l’attore Ekkehard Schall – marito di  Barbara Brecht , figlia del drammaturgo tedesco – nel suo libro La mia scuola di teatro, scrive dell’esistenza di riflessioni e appunti di Bertolt Brecht, nei suoi ultimi anni del Berliner Ensemble, per una possibile messa in scena di Aspettando Godot.

Brecht e Beckett? Possibile? Il poeta e drammaturgo militante, l’ideologo della rivoluzione morale (e materiale) delle società e degli stati, il sofista dialettico dell’antinaturalismo, l’utopista del Nessuno o tutti, guarda ora alla landa desolata dell’incomunicabilità beckettiana, al tragico nichilismo esistenziale dei sommersi?  Beckett-Brecht: una contraddizione in termini.  Cosa cerca Brecht in quel testo, ora che finalmente ha il suo teatro, uno spazio di apparente libertà nella stretta delle ragioni di stato, al centro di un Europa ancora in guerra, anche se fredda? Cerca altre leve della contraddizione, l’esercizio del dubbio, il superamento degli steccati di senso e di metodo sul fare teatro.

Lo spettacolo nasce da questa eretica suggestione. Pensare a Brecht come a Krapp, il protagonista dell’opera drammatica L’ultimo nastro di Krapp, che in una notte d’estate del ’53- ricorda e rappresenta il suo mondo, con i suoi versi, i suoi apologhi, i suoi personaggi.  Il giorno declina, vacillano le speranze, si spenge il suo sigaro per l’amarezza. Come Stanislavskij degli ultimi anni –stesso contraddittorio destino- riceve a casa giovani allievi, vecchi fantasmi, e trasforma il suo salotto nella stanza segreta dell’esperimento. Smonta e prova l’immenso materiale della sua opera cercando con brani di Godot nuove forme per la sua protesta. Va in scena il teatro da camera di un’umanità prima illusa e poi disperata, che lotta solo per il soldo, che vive sopravvivendo. Scena dove governa la contraddizione del mondo disuguale, tra la cattiveria utile dei molti, e l’inutile bontà dei pochi: quella solidarietà sentimentale che lascia tutto com’è. Parabola di un mondo che collettivamente sa organizzare solo la sua distruzione, che evoca ipocritamente la natura solo per legittimare l’immobilità dei propri rapporti economici e sociali, che parla di morale così come si fischia nel buio per farsi coraggio.    

Spettacolo composito dall’opera teatrale, poetica, letteraria, civile e teoretica di Bertolt Brecht, in ricordo e difesa del suo pensiero d’arte e di vita; della sua struggente utopia di una società del futuro, di una nuova democrazia dell’uguaglianza compiuta, partecipata e senza ritorno.”

5 | 10 novembre 2019

OFF/OFF Theatre

BERT BRECHT STRASSE – Interno notte

regia Giancarlo Sammartano

con Claudio Trionfi

e con Ivano Cavaliere, Maria Beatrice Giovani, Andrea Lami, Giulia Malavasi, Alisia Pizzonia

scena e costumi Daniela Catone

regista assistente Paolo Floris  

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

  • Riccardo Antinori ha aggiunto un nuovo evento.
    14 ore fa 57 minuti fa
  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    15 ore fa 5 minuti fa

    FARE LA SPESA. Genio romanaccio sconosciuto...

    E' l’unica cosa che mi spaventa. L a prima cosa che provi a fare è ordinarla online. I siti erano talmente intasati che dopo un po’ m’appariva direttamente la scritta STOCAZZO. All’inizio pensavo che fosse er nome della ditta de consegne, poi ho capito: DOVEVO USCÌ. Me comincio a preparà alle 10 pe uscì a mezzogiorno. Quando ho finito la...

    Libri
  • Luigi263 ha una nuova cover profilo.

    19 ore fa 31 minuti fa

  • Luigi263 ha caricato un nuovo avatar
  • Raffaella Zannetti ha stretto amicizia con Luigi263
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Luigi263
  • Aurora Geri ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Claudio Boglione ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Eleonora Bavastro condiviso Aurora Geri foto
    ieri

    È approdata su Viviroma Aurora Geri. Giovane artista che ha deciso di collaborare con noi. Consiglio a tutti di non perdere la delicatezza e la profondità delle sue opere.

    Aurora geri

  • Eleonora Bavastro condiviso IL TRASATTI foto
    ieri

    È approdato su Viviroma quel “Genio di professione e Recensore indelicato” de IL TRASATTI. Consiglio a tutti di seguire le sue geniali ed ironiche recensioni ????

    Screenshot_20200408-220926_Instagram

  • IL TRASATTI ha condiviso una foto.
    ieri

    L'IMMORTALE
    Opera prima per Marco D'Amore che si cimenta con la macchina da presa in un lungometraggio che funge da introduzione all'ultima stagione di Gomorra, e che introduzione aggiungerei.
    Il mitologico Ciro Di Marzio, reduce dall'ennesimo attentato ai suoi danni, vive una nuova avventura condita però sempre con la stessa salsa, quella della sua terra d'origine.
    Nonostante le ambientazioni siano molto diverse da quelle della serie, la regia e le atmosfere sono in linea con quanto raccontanto da Sollima e compagnia; questa tanto breve quanto intensa storia di Ciro riesce a catturare molto di più rispetto all'ultima stagione di Gomorra, che risentiva infatti della mancanza di quest'ultimo, colonna portante della serie insieme a Genny.
    Perfetta a mio parere la sequenza finale, che spalanca le porte alla stagione conclusiva.

  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Aurora Geri
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con IL TRASATTI
  • IL TRASATTI ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha condiviso una foto.
    ieri

    ''Cena in familia''
    Acrilico su cartone telato
    18x13 cm
    _
    Diplomata al Liceo Artistico Statale Caravaggio (Ex Mario Mafai), nel 2017.
    Frequento il terzo anno, del triennio di Pittura, all’Accademia di Belle Arti di Roma.
    Come professore di pittura, i primi due anni, ho avuto Bondi Moreno e, quest'ultimo anno, Scolamiero Vincenzo. Entrambi noti pittori contemporanei.
    Nei miei lavori, il legame con la famiglia, il passato ed il quotidiano, sono il tema predominante, una continua ricerca del bello nel semplice, tramite immagini, ricordi e soprattutto, uno studio approfondito del colore, andando a saturare ed accendere la raffigurazione.
    Sono nata in una famiglia di artisti. Grazie a mia madre e mia nonna, entrambe pittrici, sono cresciuta in un ambiente creativo, colorato e completamente immerso da quadri e tele da dipingere.

    Riccardo Antinori Dovresti postare particolari del quadro così non si vede ne la pennellata ne i dettagli. Così da lontano sembrano impressionisti
    20 ore fa 17 minuti fa
  • Maru78
    ieri

    BIOGRAFIA - La sua costante è un esigenza di cambiamento e le sue idee talmente tante da portarla a dipingere anche quattro opere contemporaneamente; riesce a dipingere 45 opere in un anno. Appassionata di cinema ( film horror- fantascienza), musica, scienza, geometria, porta le sue ispirazioni al punto cruciale, esprimendole sull’opera. Nei suoi dipinti troviamo raffigurati ufo, leggende metropolitane, vari ordini mondiali, raffigurazioni massoniche, ma anche soggetti naturali quali ritratti, paesaggi ed animali. Il tutto mai nella norma, con la voglia di stupire lo spettatore, per dar modo di soffermarsi a pensare all’opera stessa.

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

Chi è in linea