Il silenzio grande al Teatro Quirino *****

Giovedì, 24 Ottobre 2019

Ci sono degli spettacoli che diventano pietre miliari e questo è uno di loro. Si creano nuovi generi, questo ancora non è classificato, una specie di teatro onirico che però si svolge per tutta la durata all'interno di una bolla "eduardiana". Lo si scopre solo alla fine, con un meccanismo che ci ricorda Suspense, film del 1961 tratto da un romanzo di Henry James.
E certamente De Giovanni, napoletano, non poteva non richiamarsi alla scuola di Eduardo De Filippo, con la tinteggiatura a tutto tondo dei personaggi e le fragorose risate delle battute. (Si ride di gusto durante lo spettacolo). C'è anche uno spiritoso cameo di Gassmann.
Veramente impressionante la rete invisibile che permette la proizieni di immagini sulla quarta parete per effetti speciali, fondamentali per l'impianto dello spettacolo e il suo corretto funzionamento ma anche per il coinvolgimento totale dello spettatore. E questi effetti sono anche pienamente necessari per rendere l’atmosfera leggermente surreale e che avranno poi un senso epifanico nel ballo finale che chiude lo spettacolo, ed è qualcosa che non si può perdere per la sua poeticità.
Tanti si ritroveranno nelle dinamiche familiari di un padre assente e di successo, con le classiche litigate e incomprensioni tra figli genitori, problemi di coppia e presunte corna. E il rapporto con la tata onnipresente, che però svelerà una realtà inimmaginabile, legata ad una radio, un 'signal' da tenere a mente.
E il tutto imperneato a un oggetto, la casa in cui viviamo che si anima di odori e ricordi, diventando un nume tutelare del focolare domestico, tempio della sacralità della famiglia.

Il silenzio grande Stefania Rocca Massimiliano Gallo 4

Tutto questo quadro familiare, dove la bravura degli attori ci trascina in risate e meditazioni sui rapporti all’interno di una famiglia tanto classica da farci facilmente identificare, viene ogni tanto interrotto da alcuni “signal” (come farebbe un Trobador), alcuni apparenti scarti nella recitazione che non si capiscono. Il primo è quando il padre cerca di abbracciare la figlia e non ci riesce….oppure tenta di fermare il figlio che esce di corsa. Poi tutto avrà un senso e vi lascerà a bocca aperta.

Ma la forza di questo spettacolo è  nella potenza del messaggio che si cela nascosto nei tanti dialoghi. Chi poteva immaginare che i tanti discorsi fossero in realtà 'stream of consciousness', vicini al monologo interiore? E quanto siano assordanti certi silenzi?  Perché il tema dei silenzi e delle parole non dette, che avremmo voluto dire ma per innumerevoli motivi non abbiamo fatto, è un altro grande argomento che viene affrontato con tanta maestria da parte di Massimiliano Gallo, ottimamente supportato da Monica Nappo che costituisce la spalla dell'attore, da cui nasce tutta la comicità presente. Perfetti i tempi delle battute.
Stefania Rocca porta tutta la sua esperienza dando spessore alla figura di una moglie che ha dedicato la vita al marito, e ci sono piaciute anche le parti di Paola Senatore ed un istrionico Jacopo Sorbini che completano il quadro della famiglia.

Riccardo Antinori 
Dal 15 al 27 ottobre al Teatro Quirino
uno spettacolo di ALESSANDRO GASSMANN
MASSIMILIANO GALLO in
IL SILENZIO GRANDE
una commedia di Maurizio De Giovanni
con STEFANIA ROCCA MONICA NAPPO 
e con PAOLA SENATORE JACOPO SORBINI
regista assistente Emanuele Maria Basso
scene Gianluca Amodio
costumi Mariano Tufano
light designer Marco Palmieri
suono Paolo Cillerai
elaborazioni video Marco Schiavoni
musiche originali Pivio & Aldo De Scalzi
foto di scena Manuela Giusto

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

  • Riccardo Antinori ha aggiunto un nuovo evento.
    16 ore fa 19 minuti fa
  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    16 ore fa 28 minuti fa

    FARE LA SPESA. Genio romanaccio sconosciuto...

    E' l’unica cosa che mi spaventa. L a prima cosa che provi a fare è ordinarla online. I siti erano talmente intasati che dopo un po’ m’appariva direttamente la scritta STOCAZZO. All’inizio pensavo che fosse er nome della ditta de consegne, poi ho capito: DOVEVO USCÌ. Me comincio a preparà alle 10 pe uscì a mezzogiorno. Quando ho finito la...

    Libri
  • Luigi263 ha una nuova cover profilo.

    20 ore fa 54 minuti fa

  • Luigi263 ha caricato un nuovo avatar
  • Raffaella Zannetti ha stretto amicizia con Luigi263
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Luigi263
  • Aurora Geri ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Riccardo Antinori
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Claudio Boglione ha stretto amicizia con Saltatempo
  • Eleonora Bavastro condiviso Aurora Geri foto
    ieri

    È approdata su Viviroma Aurora Geri. Giovane artista che ha deciso di collaborare con noi. Consiglio a tutti di non perdere la delicatezza e la profondità delle sue opere.

    Aurora geri

  • Eleonora Bavastro condiviso IL TRASATTI foto
    ieri

    È approdato su Viviroma quel “Genio di professione e Recensore indelicato” de IL TRASATTI. Consiglio a tutti di seguire le sue geniali ed ironiche recensioni ????

    Screenshot_20200408-220926_Instagram

  • IL TRASATTI ha condiviso una foto.
    ieri

    L'IMMORTALE
    Opera prima per Marco D'Amore che si cimenta con la macchina da presa in un lungometraggio che funge da introduzione all'ultima stagione di Gomorra, e che introduzione aggiungerei.
    Il mitologico Ciro Di Marzio, reduce dall'ennesimo attentato ai suoi danni, vive una nuova avventura condita però sempre con la stessa salsa, quella della sua terra d'origine.
    Nonostante le ambientazioni siano molto diverse da quelle della serie, la regia e le atmosfere sono in linea con quanto raccontanto da Sollima e compagnia; questa tanto breve quanto intensa storia di Ciro riesce a catturare molto di più rispetto all'ultima stagione di Gomorra, che risentiva infatti della mancanza di quest'ultimo, colonna portante della serie insieme a Genny.
    Perfetta a mio parere la sequenza finale, che spalanca le porte alla stagione conclusiva.

  • IL TRASATTI ha stretto amicizia con Aurora Geri
  • Eleonora Bavastro ha stretto amicizia con IL TRASATTI
  • IL TRASATTI ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha condiviso una foto.
    ieri

    ''Cena in familia''
    Acrilico su cartone telato
    18x13 cm
    _
    Diplomata al Liceo Artistico Statale Caravaggio (Ex Mario Mafai), nel 2017.
    Frequento il terzo anno, del triennio di Pittura, all’Accademia di Belle Arti di Roma.
    Come professore di pittura, i primi due anni, ho avuto Bondi Moreno e, quest'ultimo anno, Scolamiero Vincenzo. Entrambi noti pittori contemporanei.
    Nei miei lavori, il legame con la famiglia, il passato ed il quotidiano, sono il tema predominante, una continua ricerca del bello nel semplice, tramite immagini, ricordi e soprattutto, uno studio approfondito del colore, andando a saturare ed accendere la raffigurazione.
    Sono nata in una famiglia di artisti. Grazie a mia madre e mia nonna, entrambe pittrici, sono cresciuta in un ambiente creativo, colorato e completamente immerso da quadri e tele da dipingere.

    Riccardo Antinori Dovresti postare particolari del quadro così non si vede ne la pennellata ne i dettagli. Così da lontano sembrano impressionisti
    21 ore fa 40 minuti fa
  • Maru78
    ieri

    BIOGRAFIA - La sua costante è un esigenza di cambiamento e le sue idee talmente tante da portarla a dipingere anche quattro opere contemporaneamente; riesce a dipingere 45 opere in un anno. Appassionata di cinema ( film horror- fantascienza), musica, scienza, geometria, porta le sue ispirazioni al punto cruciale, esprimendole sull’opera. Nei suoi dipinti troviamo raffigurati ufo, leggende metropolitane, vari ordini mondiali, raffigurazioni massoniche, ma anche soggetti naturali quali ritratti, paesaggi ed animali. Il tutto mai nella norma, con la voglia di stupire lo spettatore, per dar modo di soffermarsi a pensare all’opera stessa.

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

  • Aurora Geri ha una nuova cover profilo.

    ieri

Chi è in linea