CTRL Z - Indietro di una mossa

Venerdì, 20 Settembre 2019

Scritto e diretto da Annabella Calabrese e Daniele Esposito

con Annabella Calabrese, Andrea Standardi, Giovanna Cappuccio, Anna Lisa Amodio

L'abbiamo visto e ci è piaciuto!

La commedia si ispira alla funzione del comando che utilizziamo sulla tastiera del pc - il Control Z - (lo si intuisce dal titolo stesso), ed è lo spunto per trascinare lo spettatore in un vortice di risate, lasciandolo divertito, sorpreso, inchiodato alla poltrona da 2 ore e mezza di spettacolo, il che non sempre è scontato.

I 4 talentuosi e bravissimi attori - la cui protagonista è anche cosceneggiatrice, danno vita a un esilarante, quanto profondo, spaccato sulla vita dei giovani di oggi, tra sogni professionali che faticano a realizzarsi e paura di fare il salto verso l'istituzione del proprio amore, con un vincolo matrimoniale.

https://www.viviroma.it/images/originalphotos/groupphotos/208/966/5f562a31ce5bf503ac70c6de.jpg

Il plot ruota intorno al concetto di poter cambiare scelta avendo la possibilità di tornare indietro nel tempo, anche solo di un minuto prima che quella scelta, di cui non siamo troppo convinti, si attui con tutte le sue conseguenze. Chi non ricorda il movie "Sliding doors", o anche alcuni recenti prodotti di Netflix come “Bandersnatch”? La protagonista, Clara infatti, viaggia proprio tra le varie dimensioni determinate dalle sue scelte cercando di modificare la realtà affinché possa meglio aderire ai suoi desideri.

Ma la straordinarietà - per chi è seduto in sala - è data proprio dal divertente e geniale artificio scenico con cui questo "back to the past" avviene. Un vero colpo di scena che stupisce con "effetti speciali" e suscita applausi, risate ed entusiasmo.

Complimenti alla regia per l’uso delle luci, anche quella stroboscopica da discoteca.

Consigliamo di vederlo per il linguaggio attuale e giovane, veloce nelle battute, aiutato dall’età degli attori. Annabella Calabrese, interpreta con virtuosismo una Carla alla ricerca della sua vera dimensione esistenziale, ed è uno spettacolo vederla quando assiste ai REWIND… in un angolo stupita.. spettatrice dei guai assurdi che combina...ad Andrea Standardi, Giovanna Cappuccio, Anna Lisa Amodio che danno grande movimento alla commedia con una indubbia sagace presenza scenica.

Rimane il messaggio finale che ci accompagna al termine dello spettacolo - solo se diventiamo ciò che intimamente siamo, a costo di scelte coraggiose, possiamo essere felici e determinare al tempo stesso che lo siano le persone che amiamo.

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

Chi è in linea