Viviroma.it spettacoli a Roma - TEATRO - Abbiamo visto: NON MI RICORDO PIÙ TANTO BENE al Teatro India

Sabato, 25 Maggio 2019

Abbiamo visto “Non mi ricordo più tanto bene” al Teatro India venerdì 24 maggio.

NON MI RICORDO PIÙ TANTO BENE 
di Gérard Watkins
traduzione 
Monica Capuani
un progetto di Gérard Watkins
con la collaborazione di 
Silvia Rampelli
con 
Carlo Valli (Antoine D)Gianluigi Fogacci (Didier Forbach)Federica Rosellini (Céline Brest)
disegno luci e spazio scenico 
Gianni Staropoli - assistente alla regia Paolo Costantini

Produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale, PAV
in collaborazione con Le Perdita Ensemble e lacasadargilla
con il supporto della
 Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana
di sostegno alla creazione contemporanea
nell’ambito di Fabulamundi Playwriting Europe - Beyond Borders?

futura tittaferrante-8724

Gérard Watkins nasce a Londra nel 1965. Cresciuto in Norvegia e negli Stati Uniti, vive in Francia dal 1974. Scrive la sua prima canzone nel 1980 e il suo primo testo un anno dopo. Studia recitazione al Cours Florent e al CNSAD. Da allora, lavora alternativamente come attore, drammaturgo, regista e musicista. . Nel 1994 fonda la sua compagnia, Perdita Ensemble, con la quale dirige tutte le sue opere teatrali. Gérard Watkins è stato insignito del Grand Prix de Littérature Dramatique 2010 ed è stato nominato miglior drammaturgo francofono vivente nel 2017 ai Molières, e ha ricevuto il premio Syndicat de la critique per il miglior attore 2016-2017.

NON MI RICORDO PIÙ TANTO BENE è una produzione Teatro di Roma insieme con PAV, nell’ambito del network internazionale Fabulamundi Playwriting Europe - Beyond Borders?, che consolida la partnership tra le due istituzioni impegnate in maniera sinergica nella promozione della drammaturgia contemporanea in Europa e nel sostegno alla giovane creatività emergente. Allo stesso autore il  Teatro di Roma dedica un altro appuntamento, includendo un altro testo del drammaturgo,” Scene di violenza coniugale”, a cura di Teatro Di Dioniso, per la regia di Elena Serra, dal 28 maggio al 2 giugno(in doppia replica, per un massimo di 20 persone)in un appartamento privato.

 Gérard Watkins, porta in scena  in NON MI RICORDO PIÙ TANTO BENE,  una riflessione sul concetto di memoria, a partire dall’indagine sulle condizioni di un malato di Alzheimer. Su questa linea il progetto del drammaturgo ha incontrato il lavoro della coreografa e pedagoga Silvia Rampelli attraverso un percorso laboratoriale sul testo dedicato ad un gruppo di anziani over65.

NON MI RICORDO PIÙ TANTO BENE racconta la relazione tra un uomo che ha 96 anni ed ha perduto la memoria , Antoine D., impersonato da Carlo Valli e due personaggi, Didier Forback ( Gianluigi Fogacci)  e Céline Brest (Federica Rossellini),  che provano a scavare nel suo passato. Antoine si trova in uno spazio indeterminato, in pigiama,  sa che è uno studioso di storia, si ricorda tutti gli eventi principali , ma sa poco o niente ormai della sua vita e storia personale. Lo incalzano Didier e Cèline, tesi a scavare nel passato del loro ospite. Non è chiara la loro identità ed i motivi per cui indagano su Antoine e la sua vita passata. Quali sono le loro reali intenzioni? E lui finge di non ricordare? Chi sono costoro e qual’ è la loro reale relazione? Il testo si sviluppa con un linguaggio asciutto ,a tratti sospeso, in una situazione irreale.

In definitiva  la perdita della memoria diviene così una metafora sulla condizione umana . E da che cosa sia costituita  realmente l’identità. In un epoca in cui la realtà sociale sta divenendo sempre più cangiante e, contemporaneamente, uguale a se stessa, la memoria e gli anziani sembrano un disturbo, fastidioso  e improduttivo, da cancellare . Rimozione che crea dubbi e quesiti  sul senso della a vita e  rivela la fragilità della condizione umana.

 

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Accedi con Facebook

Chi è in linea