Viviroma.it spettacoli a Roma - TEATRO - Abbiamo visto Centomila, Uno, Nessuno

Mercoledì, 01 Maggio 2019

Pirandello dentro Pirandello

Chi ama questo scrittore siciliano non può perdere lo spettacolo Centomila, Uno, Nessuno al teatro Ciak di via Cassia. Uno spettacolo nello spettacolo in cui la vita di Pirandello si mescola a quella dei suoi personaggi mista alla sua visione della realtà e alle sue proiezioni e non si capisce più dove inizia la finzione, la teoretica, la vita vera, il senso della sua poetica e della storia. Si rimane intontiti dal fiume di parole che ci trasporta nel 1867 per farci invischiare le mani nella vita degli altri, di personaggi di fantasia o di uomini vissuti veramente, non sappiamo. Ci rimane solo lo sporco appiccicato e il sapore amaro di tanta sofferenza.

CENTOMILA, UNO, NESSUNO

Sinceramente ero scettico e mi sono avvicinato al palco con sonnolenza, ma mi sono subito ricreduto per la potenza del testo e della recitazione di Giuseppe Pambieri. La perfetta gestualità che accompagna la scelta dei giusti tempi dà risalto alle parole che sparse sul palco si trasformano nei personaggi del teatro pirandelliano.

Il testo ci rivela Pirandello attraverso spezzoni della sua narrativa (Novelle per un anno), la poesia e i drammi teatrali: Il fu Mattia Pascal, Sei personaggi in cerca di autore, l’Enrico IV, Il piacere dell'onestà, Non si sa Come, L’uomo dal fiore in bocca. Sono presenti tutti i grandi temi della poetica pirandelliana, follia amore passione rimorso morte e un turbine di pensieri avvolge la mente dello spettatore.

Il lungo monologo passa velocemtente, il tempo si dilata ascoltando Centomila, Uno, Nessuno” La curiosa storia di Luigi Pirandello, scritto e diretto da Giuseppe Argirò e alla fine non resta che applaudire un attore che ci fa capire che nessun progresso tecnologico potrà mai sostituire la magia del palco.

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Accedi con Facebook

Chi è in linea