Viviroma.it spettacoli a Roma - Abbiamo visto: TORO SEDATO RELOADED al Salone Margherita

Venerdì, 08 Febbraio 2019

TORO SEDATO RELOADED

Salone Margherita

via dei Due Macelli 75

fino al 03 marzo

8February19 19:47:29.jpeg (600×600)

Entrare al Salone Margherita che, dopo quello di Napoli del 1890, anche questo di Roma realizzato in omaggio alla Regina, venne inaugurato solo due anni prima del reicidio a Monza del 1900, vuol dire entrare in un salone dallo stile Liberty con i suoi palchi dove cenare e le sue eleganti sedute, con i tavolinetti sparsi, per godersi le ormai famose “pennette dell’intervallo”, un gelato direttamente dal “carretto d’epoca”, o un caffè dal fascinoso e discreto bar interno. Un luogo dove Leopoldo Fregoli, la Bella Otero e Totò, animarono diverse serate romane. Conosciuto fin dai primi anni settanta come sede stabile della Compagnia “il Bagaglino”, la quale lo portò ad essere un fulcro della satira politica e di costume e di cui la targa (in alto sulla sinistra del guardaroba), dedicata ad Oreste Lionello, ne ricorda uno dei principali protagonisti, il Salone Margherita, oggi meno formale di un secolo fa, vi offrirà comunque una serata con un’emozione in più. Rodolfo Laganà autore di questo “reloaded” di “Toro Sedato”, riporta in scena il suo “Indiano Romano” che vuole rappresentare colui che, pur sapendo, fa finta di non capire, per comodità, per vigliaccheria, ed anche in modo scanzonato perché così gli và. Una considerazione che fa, fra le innumerevoli e su svariati argomenti, è quella di Facebook che ha portato a far sì che, mentre fotografate e condividete un gelato, già ad un vostro amico “gli piace”, quando voi ancora dovete assaggiarlo, pensate a quanto possa stridere con chi fa un culto della lentezza nel “fare l’indiano romano”, pur sottolineandone, in altri momenti anche le accezioni negative, come quella del “non ho spiccioli”, quando “fare l’indiano” è girarsi dall’altra parte davanti ad una piccola richiesta d’aiuto. D’altronde da uno che al posto di Manitù adora “MagniTu” e vi saluta con Aò!! invece che Augh!! cosa volete aspettarvi... solo che in scena con Rodolfo Laganà ci sia la bella voce di Deborah Johnson.

Roma 7 febbraio 2019                            Maurizio Moretti

8February19 19:48:41.jpeg (600×600)

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Autore

MxM

Altri articoli di MxM

Giovedì, 01 Agosto 2019
CAPALBIO UNISCE LIBRI E TEATRO
Domenica, 28 Luglio 2019
UNA LEONESSA IN TERRAZZA
Martedì, 02 Luglio 2019
L'organizzazione nel buon senso
Martedì, 25 Giugno 2019
CORPO FELICE

Accedi con Facebook

Chi è in linea