Evento PREMIO COLASANTI-LOPEZ: PER INVESTIRE SULL’EDUCAZIONE NELLA SFIDA CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

cover photo

PREMIO COLASANTI-LOPEZ: PER INVESTIRE SULL’EDUCAZIONE NELLA SFIDA CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

PREMIO COLASANTI-LOPEZ: PER INVESTIRE SULL’EDUCAZIONE NELLA SFIDA CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

È stato presentato questa mattina presso lo Spazio Rossellini di Roma il Premio Donatella Colasanti e Rosaria Lopez – istituito in memoria delle due ragazze vittime di un brutale episodio di violenza avvenuto a San Felice Circeo il 1° ottobre 1975 – e rifinanziato, dopo anni di mancata esecutività, grazie ad un emendamento a prima firma del Presidente della Commissione Pari opportunità, scuola e politiche giovanili del Consiglio Regionale del Lazio Eleonora Mattia. A partecipare all’evento sono stati: Roberto Colasanti, Letizia Lopez, lo scrittore Edoardo Albinati, le attrici Anna Ferzetti e Veronica Pivetti, la Sostituta procuratrice di Roma e Coordinatrice del pool per i diritti dei minori Maria Monteleone, la Presidente della IX Commissione Eleonora Mattia,l'Assessore Turismo e Pari Opportunità Giovanna Pugliese

Per disinnescare all’origine la cultura di cui si nutre la violenza serve l’educazione e per questo ho sentito il dovere, con un emendamento alla legge di bilancio, di rifinanziare il Premio dedicato a Donatella Colasanti e Rosaria Lopez, le giovani vittime del massacro del Circeo, rivolto alle scuole superiori del Lazio. Una scelta che convintamente mette al centro i ragazzi e le ragazze e mira a riaffermare il ruolo della scuola nella sfida, che è prima di tutto culturale, contro quei pregiudizi e quel modello di pensiero che colpevolizza la donna e permette, nel silenzio generale, che la violenza si diffonda ed entri nelle nostre vite, fino agli esiti più tragici”, ha dichiarato la Mattia, a margine dell’evento di presentazione del Premio Donatella Colasanti e Rosaria Lopez.

Non possiamo che partire dai più giovani per diffondere la cultura del rispetto e della parità, uno strumento prezioso per la prevenzione della violenza maschile contro le donne poiché accompagna il superamento degli stereotipi di genere e di una visione delle differenze come ricchezza e non come fondamento di una presunta gerarchia tra uomini e donne che genera diseguaglianze e soprusi. Ancor più oggi – ha continuato – di fronte alla potenza, anche distruttiva, dei nuovi linguaggi social molto utilizzati dalle ragazze e dai ragazzi e le nuove forme che assume la violenza sono necessarie risposte serie dal punto di vista culturale”.

Quindi la decisione di rilanciare il Premio Colasanti-Lopez si pone questi ambiziosi obiettivi. Ricordare Rosaria e il macigno di una giovane vita strappata dalla violenza. Onorare lo spirito di resistenza di Donatella e il suo sguardo indelebile nei ricordi. Gli occhi dei testimoni, delle donne violate, di tutte coloro a cui hanno strappato un sogno, una speranza per sempre, ma non il cuore, non la vita che combatte. Ripartiamo da qui – ha concluso la Mattia – e ripartiamo dalla scuola e dai giovani perché l’educazione è l’arma più potente per cambiare il mondo e sulla violenza dobbiamo cambiare tutto. Ringrazio per il sostegno l’Assessora Giovanna Pugliese e tutta la Giunta Zingaretti e Veronica Pivetti, Alberto Albinati, la procuratrice Maria Monteleone, Anna Ferzetti e ovviamente Roberto Colasanti e Letizia Lopez per averci accompagnato in questo emozionante viaggio questa mattina".

 

 

"La scelta di proporre il rifinanziamento del Premio Colasanti-Lopez - dichiara la Consigliera Eleonora Mattia, Presidente commissione pari opportunità, scuola e politiche giovanili - è stata guidata dalla profonda convinzione che si debba partire dalle scuole, dai ragazzi e dalle ragazze, per diffondere la cultura del rispetto e della parità di genere. La brutalità della violenza del circeo è indelebile nei nostri ricordi e ho sentito il dovere di ricordare le vite e i sogni spezzati di due ragazze che con hanno fatto la storia. Donatella Colasanti ha mostrato con orgoglio come si possa sopravvivere e al suo coraggio e alla sua resilienza dobbiamo, per esempio, il cambiamento sociale che ha reso possibile la legge che definisce lo stupro reato contro la persona e non contro la morale. C’è un filo rosso che lega il massacro del circeo alle cronache odierne ed è la costante messa sotto accusa delle donne: doppiamente vittime e sempre colpevoli. Con questo Premio la Regione Lazio riafferma il ruolo della scuola nella sfida, che è prima di tutto culturale, contro quei pregiudizi e quel modello di pensiero e ricorda invece che la violenza ha un solo colpevole: chi la compie.”
Oltre a Roberto Colasanti e a Letizia Lopez interverranno lo scrittore Edoardo Albinati, l'attrice Anna Ferzetti e la Sostituta procuratrice di Roma e Coordinatrice del pool per i diritti dei minori Maria Monteleone. L'evento sarà presentato da Veronica Pivetti in diretta dallo Spazio Rossellini a Roma.
Il progetto "Io non odio” ha ricevuto l'adesione da parte della Federazione Nazionale Stampa Italiana e di Articolo 21.

Categoria
Generale
Orario
08 Feb 2021 alle 11:00 - 08 Feb 2021 alle 13:00
Luogo
Roma
Amministratori Evento
Riccardo Antinori