Evento EVGENIJ EVTUŠENKO E HISTORIAE DI ANTONELLA ANEDDA

cover photo

EVGENIJ EVTUŠENKO E HISTORIAE DI ANTONELLA ANEDDA

EVGENIJ EVTUŠENKO E HISTORIAE DI ANTONELLA ANEDDA

La nuova settimana di proposte digital del Teatro di Roma prosegue con l’offerta d’arte e teatro su tutti i suoi canali social (Facebook, Instagram e YouTube), proponendo al pubblico di spettatori - utenti un variegato cartellone virtuale tra letture, video, racconti, approfondimenti, talk, contributi inediti e Radio India live tutti i giorni.

Con l’#TdROnline per la campagna #iorestoacasa e #laculturaincasagiovedì 16 aprile è in programma un doppio appuntamento online con la parola letta e declamata. Inizia Tommaso Ragno (alle ore 12) con una lettura per sola voce dei versi del russo Evgenij Aleksandrovič Evtušenko, Vorrei nascere in tutti i paesiuna poesia che connette idealmente tutti gli abitanti del mondo in una sola umanità, proprio nel momento in cui tutti stiamo davvero provando una condizione simile, inedita ma comune. Quando Evtušenko morì nel 2017, Gian Piero Piretto lo descrisse come un poeta che fu anche, e soprattutto, un personaggio: “L’impegno sociale e civile che non poteva escludere quello politico portò Evtušenko a diventare, al fianco di alcuni colleghi, la rock star che l’Unione Sovietica degli anni Sessanta ancora non aveva conosciuto”, così scrisse il russista su Doppio Zero. Ma la fama che accolse i suoi versi, gli innumerevoli viaggi all’estero, non hanno appannato l’essenza dei suoi versi.

Continua il ciclo di letture di Monica Demuru (alle ore 16), che porta in voce i versi tratti da Historiae di Antonella Anedda, una delle poetesse più rappresentative e profonde degli ultimi anni sin dal suo esordio del 1992. Una raccolta di paesaggi e destini, collettivi e individuali, tra disordine, crudeltà e inganni, che traghettano il senso di comunità e delle sue relazioni, sempre sul punto di disgregarsi. Sono soprattutto le immagini a far procedere le Historiae, che riportano alla luce ciò che non si vuole vedere. Nessuna differenza tra pubblico e privato, tra storia, geografia e geologia.

Mentre, Radio India è live tutti i giorni, dalle ore 17 alle 20, in diretta streaming su www.spreaker.com e in podcast anche su spotify e tutti i canali social del Teatro di Roma. Come di consueto, apre il pomeriggio di programmazione (alle ore 17) la rubrica 4:33 di Muta Imago, che propone a un gruppo di persone la registrazione audio del brano di John Cage, ogni ascolto è introdotto da un frammento di Silenzio di Cage; prosegue Michele Di Stefano con Record (dalle 17.10), una playlist di interviste ad artisti e varia umanità, con un taglio musicale, ipotizzando che ognuno degli intervistati abbia appena fatto uscire un nuovo disco: l’intervistato della settimana è Cristina Kristal Rizzo che racconterà il processo di creazione, la scelta della copertina, la scaletta dei brani; Industria Indipendente ci porta Dentro la Kamera speculativa (dalle 18.10), con contributi artistici, paesaggi sonori e testi in musica-live, mentre con Svuota pista  ci accompagnerà fino a sera con un mixtape (dalle 19.20 alle 20).

 

Facebook: @teatroargentinaroma @teatroindia @teatrovillatorlonia

Instagram: teatrodiroma
YuoTube: Teatro di Roma

Sito web: www.teatrodiroma.net

Radio India in streaming su www.spreaker.com  

Categoria
Teatro
Orario
16 Apr 2020 alle 12:00 - 16 Apr 2020 alle 17:00
Luogo
Roma
Amministratori Evento
Riccardo Antinori

Socialnetwork

Chi è in linea