Siamo stati alla presentazione della stagione 2018-19 del Teatro Trastevere

Mercoledì, 10 Ottobre 2018

La piccola porta su Via Jacopa de' Settesoli a Trastevere non riesce più a trattenere la passione per il teatro che riempie questi spazi e le persone che li animano.

Il titolo della nuova stagione è infatti OPEN e già ieri sera il teatro si è aperto con la pre-apparizione di colei che ha dato il nome alla strada, Jacopa de' Settesoli e i suoi impasti (sembra certo che nuove apparizioni ci saranno il 21 ottobre e l'11 novembre, ne abbiamo parlato qui).

Rapiti, seguiamo Jacopa e lungo il cammino incontriamo una bella addormentata che ci indica la sala

dove il direttore artistico Marco Zordan ci prende per mano e ci accompagna alla scoperta di una stagione densa di spettacoli, 6 giorni su 7.

Scopriamo così IL VANGELO DI TIJUANA Di Gianluca Giacquinto, Regia Riccardo Maggi che racconta la storia di JESUS , un narcotrafficante messicano di origini israeliane, convinto di essere  la  terza reincarnazione  di  Cristo, e  NANCY, una ventenne francese sottomessa a Jesùs nello spirito e nel corpo, che stanno aspettando un cliente sudafricano per concludere  un  importante scambio  di  eroina...

 Lo Spettacolo di Danza Contemporanea FASE R.E.M., un viaggio nei labirinti della mente immersa nel sonno più profondo. Un’insieme di immagini oniriche evocative di una “realtà non realtà”, alterata, in cui ci si sposta nel tempo e nello spazio, in cui tutto è esagerato ma sempre possibile. Un susseguirsi di figure pescate dai sogni senza seguire una “story line”, perché una mente che sogna fa voli pindarici e non sempre è tutto spiegabile. Semplicemente un viaggio in una e più menti che sognano mentre il corpo è immobile, come meccanismo di difesa.

Le giovanissime interpreti di Parolacce Sottovoce di Yasmine Bouabid: "Meriem ed Eva, durante gli anni irrequieti e vibranti dell’adolescenza, si ritrovano faccia a faccia con le parti di sé rimaste silenti nello scorrere dell’infanzia. Proprio lì, mentre si inoltrano timidamente nel bosco delle proprie paure e nella ricerca di un mondo nuovo, scoprono che é altrettanto semplice cadere. A volte ci si incontra, anche nella diversità, per prendersi la mano e per uscirne insiemsì, Meriem ed Eva, due liceali di estrazione sociale e culturale diversa , decidono di superare questo periodo fianco a fianco, fondendo i colori, e tradizioni e le loro vite per riscoprirsi in una nuova forma che le sorprenderà."

Hangar Duchamp in LE MAMMELLE DI TIRESIA di Apollinaire, regia Andrea Martella

A Zanzibar, rappresentazione della Francia di inizio secolo scorso, Thérèse abbandona il marito, uomo greve e prepotente, per assumere un'identità maschile,  lasciando volar via le mammelle. Si chiamerà Tiresia. Il marito, solo e abbandonato, si troverà costretto ad assumere un’identità femminile per sobbarcarsi i compiti dovuti al ruolo di moglie e donna, compresa la maternità. Metterà al mondo, in un sol giorno, 49051 bambini. L’uomo diventerà una madre ambiziosa, tanto da far innamorare un autoritario e virile Gendarme. Tiresia tornerà poi ad essere Thérèse, riconciliandosi con il marito nel più classico dei lieto fine.

Ci sembra persino di scorgere la brava ufficio stampa Vania Lai con fiocco, ma forse anche questa è un'apparizione

Il problematico dialogo di Officine di Cotone in NEXT FALL, Di Geoffrey  Nauffts, Regia Davide Nebbia

La vicenda ruota intorno a due uomini impegnati in una relazione, Luke devotamente  cattolico e Adam, felicemente ateo. Una storia lunga cinque anni e che dura nonostante le difficoltà. Tuttavia, quando un incidente cambia tutto, Adam in cerca di supporto e risposte, deve rivolgersi alla famiglia di Luke.  Luke crede in Dio. Adam crede in tutto il resto. "Next Fall" ritrae gli alti e bassi di questo rapporto di coppia con umorismo tagliente e inflessibile onestà, ponendo domande difficili circa l'impegno, l'amore e la fede.

Per concludere con quello che sarà lo spettacolo d'apertura della stagione da questa sera al 14 ottobre

C.T. Genesi  Poetiche in ANTICOTESTAMENTO, Di Gianluca Paolisso, Regia Gianluca Paolisso

Anticotestamento è un progetto di drammatizzazione che nasce da una forte necessità: raccontare la guerra in atto, le sue conseguenze, ma soprattutto rendere carne viva la bellezza immortale che risiede nelle pagine della Bibbia. Anticotestamento è un tentativo di ri-scoperta delle nostre radici, ben consapevoli che solo queste potranno condurci alla contemporaneità, ad un senso più profondo dell'umano.

Questi sono solo una parte degli spettacoli di una ricca stagione:

QUI il tabellone completo

QUI le fantastiche proposte d'abbonamento

Teatro Trastevere
Via Jacopa de' Settesoli, 3
00153 Roma
Tel. 06 5814004 (dalle 19.00)

 

 


Affittare ville di lusso a Capalbio
Piscina, sauna e centro benessere privato.